domenica 20 marzo 2011

Pizzoccheri 4, gli ottimi di Polsonetta




Cornucopio e Polsonetta ci ammanniscono un principesco piatto di pizzoccheri.

Ecco come li hanno fatti, per 8 convitati.

Preparare un immenso pentolone pieno di acqua salata, portarla a ebbollizione.

Buttarci dentro 4 patate pelate e tagliate a tocchetti.

Dopo 5', vanno giù quattro - cinque foglie di verza riccia spezzate con le mani.

Dopo altri 2', 1kg di coste (solo le coste, la parte verde delle foglie usatela altrove) prima sbollentate, e 300g di fagiolini puliti e pure precedentemente sbollentati.

A ruota, 600g di pizzoccheri. Quali pizzoccheri? Polsonetta indica e predilige quelli del tipo tagliatella. Ricordatevi che vanno ben cotti, ci vorranno circa 15'.

Scolate, condite con 150g di ottimo burro (precedentemente fuso con molte foglie di salvia, due 2 spicchi aglio, un rametto di rosmarino).

Versate nel piatto di portata prima riscaldato nel forno, alternando - come sempre quando si condisce della pasta bollente con molto formaggio destinato a fondere per evitare la mappazza - pasta e caci, ovvero 400g di formaggio bitto tagliato a straccetti molti sottili e 100g parmigiano grattugiato.

Ottimi, veramente. Fatto sta che Polsonetta e Cornucopio sui pizzoccheri ci studiano. Ecco il loro precendenti post su AAA.

pizzoccheri 1, tradizionali

pizzoccheri 2, di Teglio

Aggiungo questi, provati da Artemisia: pizzoccheri 3.

3 commenti:

Edith Pilaff ha detto...

Bellissima ricetta,e non e' facile trovare buoni pizzoccheri! Un salutone.

isolina ha detto...

anzi difficilissimo, ma questi sembrano davvero perfetti!

artemisia comina ha detto...

sì, forse vale la pena di dire che sono stati presi da Castroni, e del tipo a tagliatella, come specifico. nidi di tagliatelle. ottimi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...