lunedì 17 dicembre 2007

Guacamole.


Da Nepitella Partenopea, che segue i dettami di Laura Ravaioli.

Schiacciare con la forchetta (diktat: qui come altrove, niente lacerazioni prodotte dal robot; usate forchette, mezzelune, coltelli, a seconda della consistenza di ciò che va sminuzzato) due rossi d’uovo rassodati.

Affettare finemente due peperoncini freschi verdi e privateli dei semi (se non li trovate, sostituiteli con 5-6 gocce di Tabasco).

Private di buccia e semi un grosso pomodoro da sugo e riducetelo in mirepoix, o finissima dadolata.

Schiacciate un avocado sbucciato, affettato e bagnato con il succo di un lime per non farlo annerire.

Mescolate tutto con garbo, servite con crostini.

Nel menu di Dicembre 2007. A cena da Nepitella.




***

Giugno 2016.

Versione di Cornucopio Canturino

Trattamento dell'avocado, idem; condito con aglio schiacciato e succo di lime.

Nel menu di Giugno 2016. Voglia di Argentario


***

Maggio 2018

Venne messo dentro delle tartellette. Sul tavolo di  Maggio 2018. Tartellette e festeggiamenti



***

Aprile 2019

Una versione lineare: la polpa di due avocado giustamente maturi, un piccolo spicchio d'aglio ridotto in crema, il succo di un limone, sale, un pizzico di polvere di peperoncino. Frullare.

Per allestire la Smörgåstårta con paté di salmone e guacamole



4 commenti:

erika ha detto...

no comment,
parla tutto da se.
:-)

artemisia comina ha detto...

ciao, erika! aggiungo che Nepitella dice che la presenza dell'osso di avocado dovrebbe dissuaderlo dall'annerire. Mentre diceva ciò, ci guardavamo perplesse: boh, bah...

erika ha detto...

la teoria del nocciolo è vera... provata diverse volte

artemisia comina ha detto...

grazie, lo farò sapere a quella dosgraziata di Nepitella, che ha sempre il pc fuori uso!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...