sabato 5 gennaio 2013

Friggitelli con baccalà mantecato





di Artemisia Comina

Sapevo molto vagamente di un piatto catalano nel quale dei peperoni abbrustoliti e spellati, piccoli, vengono riempiti con baccalà mantecato aromatizzato con aglio schiacciato e prezzemolo, quindi messi in forno a gratinare.

Sulla base di questa illusione mi è venuta un’idea parallela, ho cercato friggitelli al mercato di Rialto, e l’ho provata.

Dunque, si procede così, molto semplicemente: si friggono i friggitelli lasciando loro il picciolo; quando hanno smesso di essere bollenti si prendono delicatamente uno per uno nel cavo della mano come si farebbe con un nidiaceo caduto dal nido perché non si spacchino, ci si guarda bene dallo spellarli pena il loro dissolversi, si toglie il picciolo e si farciscono con il baccalà mantecato. Meglio sarebbe usare un sac à poche; visto che non lo avevo, ho usato pazienza e il metodo supposta.

Serviti con del pane alle olive, sono dei riusciti amuse bouche.

Nel menu di Venezia 2007. Invito a cena con terrina prima della Regata.

*********************

Aggiornamento gennaio 2013


Mi sono ricordata di loro l'ultimo dell'anno 2012; ero di nuovo a Venezia, e poiché ho trovato solo dei frigitelli lunghetti assai, questa volta ho usato il metodo fenditura. Non mi dispiacciono nemmeno così, tipo braga ottomana di seta verde-oro che si apre su ricche mutande bianche. E' davvero una congiunzione riuscita. Nel menu di Dicembre 2012. La cena dell'ultimo dell'anno.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...