giovedì 22 luglio 2010

Crostata ratatouille.


Di Artemisia

Memore che in Provenza con la ratatouille si fanno anche torte, ho usato buona parte della ratatouille quasi Guerard per fare una crostata. Poiché la trovavo un po' troppo insipida per i miei desideri, ho adottato una brisée molto aromatica e un velo di pasta di acciughe. Ho fatto anche delle piccole crostate, nel menu: Settembre 2010. La cena delle blogger.

Ratatouille come Michel Guerard Minceur

Tagliare a dadini regolari un peperone, una melanzana, una cipolla, due zucchine.

Saltare molto rapidamente tutte le verdure, separatamente, in una padella con un cucchiaino da tè di olio d’oliva.

Versarle in una teglia da forno, salare, coprire con carta alluminio ben sigillata e far cuocere in forno per 30’.

Aromatizzare con molto basilico.

Brisée aromatica 200g di farina00, un uovo, 100g di burro, un pizzico di sale, uno di grani del paradiso (si possono sostituire con del pepe), tre di erbe aromatiche secche miste e sbriciolate.

Ho rivestito con la brisée uno stampo di 26cm di diametro, bordi bassi e fondo amovibile. 

Ho steso sulla pasta un velo di pasta di acciughe.

Poi ci ho versato la ratatouille.



4 commenti:

Lydia ha detto...

Ma quanto è perfetto quel guscio???!!!!

isolina ha detto...

Maga del guscio, come al solito e molto ma molto attraente il tutto

L'acqua 'dorosa ha detto...

Condivido: forme perfette. E l'insieme è golosissimo. Nelle Marche la nobile ratatouille si trasforma in ...lu pappò... Tutto un altro fascino!!! Ma io la preparo spesso e questo mi sembra un ottimo modo per variare. Come al solito, sei una fonte inesauribile.

artemisia comina ha detto...

lu pappò!! interessante :)))

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...