lunedì 30 giugno 2014

Polpette di tonno, tonno a purpétti, Sicilia.




Da Artemisia

Mangio a Palermo delle polpette di pesce in agodolce, ci provo.

Un chilo di tonno, una manciata di pane bagnato nel latte e strizzato, basilico, menta: triturare tutto insieme fino a impasto fine; aggiungere sale e appena un po' di pepe nero appena macinato.

Fare delle polpette oblunghe grandi quanto un uovo piccino, rotolarle nel pan grattato. Saranno circa trenta. Friggerle brevemente in olio d'oliva.

Stufare in tegame quattro cipolle dorate pulite e affettate con un po' di olio d'oliva, aggiugere un cucchiaio raso di zucchero e mezzo bicchiere d'aceto di vino forte, far evaporare.

Mettere le polpette nel tegame, farle sposare per bene con le cipolle per cinque minuti di cottura a fuoco basso, servirle tiepide. 

Nel menu di Luglio 2014. Un buffet siciliano.






3 commenti:

isolina ha detto...

queste mi sembrano proprio una sciccheria da provare!

qbbq ha detto...

... certo che se neppure in una trattoria sicula in palermo un povero cuoco non può "permettersi" di cucinare le cose locali, siamo messi male ragazzi... io mi dovrei sparare... comunque gran bella cosa anche questa
stefano

artemisia comina ha detto...

pesno che parli degli involtini con uvetta e pinoli mutati in prosciutto e formaggio; quanto dici è quello che ho pensato anch'io; però per il resto la trattoria era localissima, niente di continentale e piena di cose in agrodolce, per esempio; grazie a dio i palermitani sono molto orgogliosi - e ci credo - della loro cucina.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...