venerdì 4 novembre 2011

Minestra di zucca napoletana



Da Artemisia

Una risposta meridionale alle zucche nordiche. Ispirata da nostalgici racconti di Gianni, un amico napoletano.

Per due.

400g di zucca gialla (niente a che vedere con le toste barucche; una zucca di buon carattere, tenera) pesata già pulita e a tocchetti, in pentola con uno spicchio d'aglio ben schiacciato, un pezzo di peperoncino rosso triturato, un po' d'olio d'oliva. Sale. Soffriggere.

Far ammorbidire la zucca finchè non inizia a disfarsi.

Aggiungere un paio di mestoli d'acqua.

Far tirare un po', sogguardare amorosamente, girare.

Altri due mestoli d'acqua , e una manciata di pennette piccole (o altra pasta breve).

Cuocere molto al dente, spegnere, finire la cottura della pasta nella massa di zucca bollente, incoperchiata.

Alla fine, buttare nella minestra un ciuffetto abbondante di prezzemolo triturato.

Servire con un filo d'olio d'oliva e.v. crudo e una paio di cucchiaiate di parmigiano appena grattugiato in ogni scodella.

2 commenti:

Ciboulette ha detto...

sarà la prossima cosa che preparo con la zucca, sperando che il giorno in cui riesco ad andare dal fruttivendolo lui si sia ricordato di prenderle dall'orto!

artemisia comina ha detto...

Se no, gli vai dietro e la cogli tu!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...