martedì 15 novembre 2011

ARROSELLARE, CROGIOLARE, ARRABBIARE...

Isolina

Delle tante cose che, almeno fin ora, non si è riusciti a fare... la macchina del tempo.
No, non voglio viaggiare chissà per quali tempi e lidi, mi basterebbe solo poter fare delle domande, rivisitare persone.

La zia Zaira per esempio, quella delle salsicce e tante altre cose. Mentre cucino, spesso è come se la sentissi al mio fianco. Lei così accurata e precisa con i suoi termini che a me sembravano esotici e sono rimasti indelebili nella mia memoria.

Quando faceva il soffritto e pazientemente aspettava che le cipolle "arrosellassero" e poi, proseguendo con altri ingredienti aspettava che "crogiolassero" cioè arrivassero quasi a fare una crosticina, comunque a insaporirsi a fondo. Alcune cose poi finivano "arrabbiate". Come mi piaceva questo termine e così bene tutti rendevano l'idea di quello che avveniva nei tegami e nelle padelle...

Caramellare non era ancora all'orizzonte altro che per lo zucchero e nessuna scorciatoia era ancora stata tracciata.

E la zia Letizia, che tragicamnete perse il senso del palato eppure riusciva a fare cose meravigliose come minestre di pane, insuperabili nel mio ricordo e le sue paste tirate a mano, che finivano magari un po' troppo cotte, ma con un sugo di gusto ineguagliabile.

Stranamente non ricordo espressioni colorate e belle provenienti dal ramo lombardo, di cucina forse riluttante e per troppo tempo affidata ad altri?

Ma anche di quella cucina ho ricordi potenti di minestre, cotolette, paté e della meravigliosa frittata dolce di mele.

Anch'io sono una gallina vintage, molto più vintage di Giuliana, e ogni tanto (spesso) cado in profonde nostalgie...

3 commenti:

artemisia comina ha detto...

e perchè, le mie di nostalgie?

PS: la ricetta della frittata dolce, grazie :))

Giuliana ha detto...

che bella questa immagine della zia Zaira, che arrosella le cipolle! Mi piacerebbe saperne di più...credo che avresti molto da raccontare..
sai, avevo anch'io una zia Letizia, a dire il vero era zia di mio marito, ma avevo un rapporto molto bello con lei, d'altronde sono entrata nella famiglia Corti a 16 anni, ed ero la piccola di casa e per lei che non aveva avuto figli io un poco lo ero.....

vedi che è contagiosa questa cosa? Parto subito a ricordare, e mi ci crogiolo parecchio nella nostalgia ultimamente, avrai modo di leggerla......
e comunque non farti ingannare da certe foto, sono davvero vintage io....

La vorrei anch'io la macchina del tempo, solo per poco, per ritrovare mio nonno, che adoravo e che se ne è andato troppo, troppo presto..


aspetto con ansia altri racconti...

un bacio
Giuli

isolina ha detto...

son in partenza, ma solo brevemente, quando torno mando ricetta rittata dolce

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...