sabato 21 dicembre 2019

Pasticcio di radicchio di Treviso


Da Artemisia 

Da Giuseppe Maffioli, La cucina trevigiana, Franco Muzzio Editore, 1983. Il bel libro è al momento introvabile, faccio opera benemerita diffondendo le sue ricette con il radicchio trevigiano.

Il pasticcio può essere arricchito con una sottile julienne di carne bianca di pollo o lesso o arrosto, oppure con salsicce trevigiane da brodo, cotte a parte e sbriciolate.

Preparare del piccolo radicchio rosso di Treviso, alla parmigiana:

Disporre mezzi cespi di radicchio in una pirofila, irrorandoli di panna liquida - ne basta un sorso, diciamo 60g circa - e cospargendoli di pepe e sale.

Porli in forno con coperchio per cinque minuti.

Togliere il coperchio, cospargere di abbondante parmigiano, rimettere il coperchio per tre minuti e poi toglierlo, lasciandolo in forno per altri due.

Preparate dei maltagliati o delle pappardelle di pasta all'uovo fatta in casa (ho fatto due uova di pasta per due, è molto abbondante).

Cuocete la pasta, conditela con burro e un pizzico di noce moscata.

Mescolate la pasta con il radicchio alla parmigiana e legate il tutto con una morbida besciamella.

Disponete in una pirofila e passate al forno per una lieve gratinatura.

Servite bollente.



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...