domenica 13 dicembre 2009

Timballo con tubi, tubetti e polpettine.



Da Artemisia in campagna, che sente nostalgia della cucina napoletana.

Niente più che una nota sulle quantità, che potrà essere utile per futuri timballi fatti nella forma di 18cm di diametro, altezza 5cm, bordo che si sgancia, per cui ho parecchia simpatia.

Se si fa un timballo con guscio di frolla o di brisée, quanta farcia ci va? Qui sono bastati 200g di tubi e tubetti, mescolati tra loro poiché erano avanzi di pasta; opportunamente, direi, perché i tubetti si sono infilati in modo divertente nei tubi, che altrimenti sarebbero stati troppo “vuoti”. C’era inoltre una manciata di polpettine e un’altra di mozzarella a pezzetti.

Il guscio era una frolla dolce, alla moda napoletana (quantità? 200g di farina, 80g di zucchero, 70g di burro, un uovo, buccia di limone grattugiata), e la pasta è stata condita con la passata di pomodoro maison e molto, molto parmigiano.

Considerazioni sul gusto: il condimento deve essere più rilevato, ci vuole un sugo tirato, un ragù, altrimenti il contrasto dolce - salato perde senso.





8 commenti:

Annamaria ha detto...

Bellissimo questo finto sartù.Aggiungerei anch'io un ragù, magari arricchito da una salamella.

Clementina ha detto...

Mamma che bello, vorrei farlo anch'io ma non so seci riesco.Buona domenica

francesca ha detto...

complimenti per il blog, è bellissimo e davvero ben fatto! l'ho scoperto ieri e già a cena ho provato una delle vostre ricette: il flan di zucca con funghi secchi (sono una patita della zucca)
ho alcune domande da farvi, dato che ho fatto delle modifiche e non mi è venuto benissimo: ho messo meno uova e l'ho cotto solo per 35 minuti (dato che l'avevo messo in degli stampini piccoli e avevo paura che si bruciasse). però quando ho spento il forno (lasciandolo comunque dentro per un po') il flan si è abbassato e anche la consistenza era un po' troppo molle.
è la sua consistenza normale? (dato che è la prima volta che faccio un flan e magari non lo so) e si è abbassato per la cottura troppo breve o per le uova?
ciao e ancora complimenti!

Artemisia Comina ha detto...

annamaria, mi sento confortata da attendibile parere.

Artemisia Comina ha detto...

clementina, e perché non dovresti riuscire? usa la frolla di cui dò ricetta, è docile. e poi fodera in in due tempi fondo e bordi, facendo aderire bene con qualche acconcia pressione. non esagerare con il ripieno, o il timballo crepa. aspetta dieci, quindici minuti prima di sformare per far consolidare il timballo.

Artemisia Comina ha detto...

francesca, grazie per l'apprezzamento :))

e poi: ma vuoi proprio vivere pericolosamente? diminuire le uova e il tempo di cottura è procedura certa per non far consolidare lo sformato :DDD anche con le monoporzioni il tempo non cambia tanto. pubblicherò un post con le accortezze per tirar fuori dallo stampo uno sformato che tenga ;)

Lydia ha detto...

Mammamia, stavo per perdermi tutto ciò.
In questi giorni non riesco a starti dietro!!!
Bellissimo

Artemisia Comina ha detto...

sono come il coniglio bianco: di corsa, di corsa, in ritardo :DD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...