giovedì 11 aprile 2019

Scaccia ragusana: con pomodoro e cipolle, con ricotta e salsiccia.


 
Da Artemisia

Avevo già provato queste: scaccia ragusana con pomodoro e melanzane, con ricotta e cipollotti. Mi butto su una nuova versione e su un piegatura appena un po' diversa.

Sfoglia: 500g di farina di semola di grano duro; 4 cucchiai di olio d'oliva; il succo di mezzo limone; sale; acqua q.b. L'acqua la scaldo, e poi metto a riposare la pasta 10' sotto la pentola calda: adotto le pratiche dello strudel per ché la pasta si distenda volentieri.

Divido la pasta in due e la stendo sottile, due grandi dischi, meglio se non perfettamente rotondi, ma tendenti al rettangolo; non sottile come nello strudel, infatti adopero il solo matterello, ma quasi.

Inzio poi a spalmare la farcia e piego la pasta più volte, continuando con la farcia tra una piega e l'altra.

Farcia pomodoro e cipolle: 550g cipolle pelate affettate sottilmente, stufate dolcemente in olio d'oliva e dopo poco un po' di acqua; quando sono dolcemente morbide, aggiungere 500g di pomodori pelati; sale, basilico (poi tolto), 20'; infine schiacciare i pomodori rimasti interi. Mettere da parte 100g di salsa per la scaccia con la ricotta.

Piegare e farcire (guardate le foto)

Stendere quasi tutta la salsa (quella rimasta dopo averne messa da parte un po' per arrossare la ricotta; quasi tutta, ma non tutta perché ne andrà messa un po' in due successive pieghe) su uno dei due dischi di pasta prima leggermente spennellato con olio extra vergine d'oliva.

Disseminare di olive taggiasche (avevo quelle, perdonate la Liguria in trasferta).

Richiudere parzialmente il disco di pasta su se stesso; idem con il lato opposto, senza sovrapporre più di tanto; guardate la foto.

Spennellate d'olio d'oliva il fagotto ottenuto e spalmate con poca farcia anche questa superficie (poca o l'involto non regge), aggiungere altre olive.

Ripiegate un terzo dell'involto su se stesso, ancora un po' di farcia e olive, richiudetevi sopra il terzo che avanza.

Il malloppo, vista la sottile pasta, è delicato; potete fare il tutto su carta da forno, oppure fare quattro dischi di pasta invece che due, due con ricotta e due con pomodoro, sarà più facile maneggiarli. 
 
Farcia di ricotta e salsiccia: 400g di ricotta di mucca, mescolarla con 100g di salsa di pomodoro e cipolle; 3 salsicce pelate e sbriciolate.

Per fare l'involto, idem come sopra.














3 commenti:

Pellegrina ha detto...

Grazie del supplemento e una domanda: regge l’attesa? Se la preparo un giorno prima, magari migliora anche? Grazie.

GufettaSiciliana ha detto...

Bravissima! Io sono della provincia di Ragusa: noi chiudiamo le estremità con un bordino particolare chiamato "milu" o "gghiru". In quelle con la ricotta non mettiamo mai pomodoro però.

artemisia comina ha detto...

pellegrina: può attendere: si mangia anche il giorno dopo.

gufetta: ne ho fatte altre due con piega diversa, c'è un altro post dedicato cerca scaccia con melanzane, e mi sa che c'è quel bordino.

pomodoro nella ricotta: avevo capito studiando un po' che non lo mettete, ma il sugo mi avanzava, e la ricotta era poca ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...