lunedì 4 giugno 2012

Insalata di polipo, ceci e limone confit.


Di Isolina

Il polipo tenerissimo cotto nella sua acqua, tagliato a tocchetti.

I ceci semplicemente lessati, poi pomodorini secchi sott'olio, prezzemolo tritato finissimo con poco aglio.

Condito con poco aceto di vino, olio d'oliva e.v., pochissimo sale e sopra, in bella vista, che poi si mescolano, fette di limone confit.

Una validissima variante all'insalata di polipo e patate. E il colore molto attraente. I limoni confit, in verità, così a fette, sono una grande risorsa.


Cottura del polpo: dopo anni di fallimenti e di strade che portavano al nulla, questo è quanto e non ha mai fallito. Anzitutto ha da essere verace (due file di ventose lungo i tentacoli). Poi si deve adagiare in una pentola tosta, cioè o di coccio o altro materiale come ghisa o acciaio inox a fondo ben spesso e dotata di buon coperchio. Il polipo ivi adagiato, deve stare un po' strettino. Normalmente non aggiungo niente, ma quest'ultima volta, ho messo qualche foglia di alloro e degli spicchi d'aglio. Non si aggiunge sale e tanto meno acqua. Il coperchio è fondamentale, deve chiudere bene. Su fuoco medio all'inizio finchè non si sente che sta incominciando a bollire, quindi si abbassa al minimo e si lascia cuocere per una buona ora. Si lascia raffreddare, coperto, nella sua acqua.

8 commenti:

artemisia comina ha detto...

cara isolina, dì la rava e la fava del polpo cotto nella sua acqua :))

Giuliana ha detto...

adoro il polpo e adoro i ceci, bel connubio per me Isolina! Lo faccio non appena riesco a ritagliarmi un paio d'ore per cucinare seriamente...ormai qui si va di cucina di sussistenza...

La Gaia Celiaca ha detto...

ottima idea, così so cosa farmene dei limoni confit che ho preparato e sono ancora lì in attesa di una destinazione!

Francesco ha detto...

ma che bella idea veramente brava!! un caro saluto Francesco

isolina ha detto...

ecco la rava e la fava o la unga historia della cottura del polipo. Dopo anni di fallimenti e di strade che portavano al nulla, questo è quanto e non ha mai fallito.
Anzitutto ha da essere verace (due file di ventose lungo i tentacoli). Poi si deve adagiare in una pentola tosta, cioè o di coccio o altro materiale come ghisa o acciaio inox a fondo ben spesso e dotata di buon coperchio. Il polipo ivi adagiato, deve stare un po'strettino. Normalmente non aggiungo niente, ma quest'ultima volta, ho messo qualche foglia di alloro e degli spicchi d'aglio.
Non si aggiunge sale e tanto meno acqua.
Su fuoco medio all'inizio finchè non si sente che sta incominciando a bollire, quindi si abbassa al minimo e si lascia cuocere per una buona ora. Si lascia raffreddare, coperto, nella sua acqua.

Anonimo ha detto...

It was splendid...so tender, so fresh, and the preserved lemons the perfect finish!

Carmine ha detto...

abbinamento magnifico ceci e polpo :-)) e limone confit che fa da esaltatore di gusto ma di buon gusto

isolina ha detto...

grazie grazie e mi piace che sia piaciuto il connubio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...