venerdì 16 settembre 2011

Millefoglie di pasta all'uovo


Da Artemisia che fa una ricetta del sacro Talismano della Felicità.

Per 12 (il T. dice per 6...).

Fare una pasta dura con 600g di farina00, 6 uova, sale; dividerla in otto pezzi e farne otto dischi piuttosto spessi.

 Mettere a bollire dell'acqua salata in una grande teglia, bollirvi i dischi uno a uno cuocendoli al dente, tirarli su con due larghe cucchiaie bucate e deporli su strofinacci bagnati e strizzati.

Poi il T. dice: preparare un sugo abbondante, e aggiunge indicazioni generali: sugo di carne con carne pesta, polpettine, rigaglie etc., parmigiano grattato; facendo intendere che ciascuno è fabbro della sua propria fortuna. Io ho fatto una farcia d'antan, che aveva come base rigaglie di pollo che includevano anche uova non nate, cotte in padella con olio d'oliva e stufate fino a morbidezza con un goccio di vino bianco (fegatini e uova aggiunti alla fine della cottura); poi un un po' ragù rosso. Ho avuto la fortuna di trovare tale antica materia prima.

Ungere di burro una teglia poco più grande dei dischi, cospargerne il fondo con una ramaiolata di sugo, alternare dischi e ripieno.

Qui viene il bello: una cottura velocissima, che fa del millefoglie qualcosa di molto diverso da molte paste al forno: passare in forno leggerissimo per circa un quarto d'ora.

Servire il millefoglie diviso in parti.

Nota: mi ha fatto un bell'effetto, da riprovare. Può essere opportuna una fascia di acciaio senza fondo poggiata su un piatto da forno senza bordi. Mi è piaciuta la leggerezza della cottura, lo stare insieme senza confondersi. Questo è il punto a favore della ricetta: dischi di pasta un po' spessa sovrapposti con una farcia tipo panino che può essere di qualsasi cosa. Credo sia piacevole anche con il pesce vista la brevità di cottura. Si potrebbe mettere crudo, con verdure sbollentate, ad es. gamberetti, sogliole e zucchine. Sarebbe piacevole una pasta con colori diversi, per es. quattro dischi gialli, con buccia di limone grattugiata, quattro verdi, con basilico o spinaci.

6 commenti:

isolina ha detto...

Mi viene proprio voglia, ma una voglia...

la belle auberge ha detto...

una curiosta': di che anno e' il tuo Talismano, Artemisia?

papavero di campo ha detto...

per una penitente che sta a dieta che pensate che possa provare leggendo di farcia e strati di pasta?
vabbé allora che leggi a fare?
per masochismo?
è della serie andare a vedere gli altri mangiare il gelato:-)

artemisia comina ha detto...

questo è dalla parte degli anni '70. ma ce ne sono di più vecchi, due, uno della mamma e uno della zia :))

pap, anch'io dieta ; )

la belle auberge ha detto...

controllato il mio: ottobre 1980, e non ho trovato il millefoglie :(

Ne approfitto per mandare un saluto a Papavero: ciaooo!
NB fatemi sapere i vostri progressi con la dieta, io sto cominciando ad avvilirmi..

artemisia comina ha detto...

il mio 1973; la modernità danna le frattaglie! e chi le trova più le uova non nate dal pollivendolo?

eu, giuro che se non si mangia si dimagrisce ; )

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...