giovedì 16 luglio 2015

Pseudo quiche al limone



Di Artemisia

Le pseudoquiche sono da sempre la mia consolazione come spuntino per ospiti che saranno lì tra un'ora tutto compreso. Un guscio di brisée, un po' di yogurt, una ricotta, una o due uova, insomma si fa presto. Ma non avevo mai pensato che potesse bastare un singolo, semplice limone, a fare tutto. Mentre il caldo di un'estate inferocita mi stava bastonando e non avevo alcuna voglia neppure di pensare, l'occhio è caduto su un po' di ricotta di bufala e su del bianco d'uovo; non era un gran che, ma quando ho visto il limone, s'è fatta luce.

Fate un guscio con della brisée e potrebbe anche bastare, ma se avete un po' di erbe aromatiche, mettetecele (l'ho fatto).

Montate la ricotta (circa una tazza e mezza; lo spessore verrà alquanto basso con una teglia tra i 24 e i 26cm, e va bene così) con il bianco d'uovo (credo fossero tre) metteteci la buccia di un limone grattugiata, sale, pepe appena macinato.

Verrà buona quanto basta (ovvero, penserete: la rifarò).

Qui la quiche attende nel buio della stanza ancora silenziosa l'arrivo di chi l'apprezzerà.


Aggiornamento del 17 luglio 2015

Rifatta, appunto. Per lo Spuntino con spaghetti al pesto delle Lipari.





Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...