lunedì 17 novembre 2014

Gnocchi di patate dolci con scarola e rigatino affumicato.





Di Dolcesca

Fare gli gnocchi: premessa: le patate dolci americane – quelle che talvolta si vedono in un vaso con acqua con foglioline che si arrampicano - hanno una pasta bianca densa e compatta, un po’ filamentosa, molto adatta per la riuscita degli gnocchi, che con le altre patate delle volte non hanno una gran tenuta. Ne ho sbucciato 1kg per quattro persone, poi le ho fatte a pezzotti e le cotte a vapore, quindi le ho passate con lo schiaccia patate un paio di volte. La prima volta il passapatate funziona da filtro e blocca una parte più filamentosa che si raccoglie sul fondo e si getta via; la seconda volta serve per tirar fuori un composto più liscio ed omogeneo.

Quando sono diventate tiepide le ho impastate, facendogli assorbire pian piano 250g di farina00 assieme a 2 tuorli d’uovo e un po’ di sale.

Il procedimento per dar loro una forma è il solito per gli gnocchi: fare dei lunghi salsicciotti, tagliati dritti o di sbieco di due cm circa. Ho fatto delle prove: mi convincono di più quando sono un po’ grossetti, per sentire meglio il gusto dell’impasto.

Due minuti in acqua bollente salata e risalgono alla superficie.

Condirli con qualche fiocchetto di burro e mangiarli, o tenerli da parte e riscaldarli in un secondo momento. Il risultato non cambia. Se si vogliono riscaldare, meglio tenere un po’ d’acqua di cottura per ridare fluidità a qualsiasi condimento. In questa occasione li ho portati a casa di Artemisia e li ho scaldati facendoli saltare in una gran padella; ho aggiunto un po' d'acqua di cottura.

Condimento: ho rosolato due spicchi d’aglio con 2 bei cucchiai d’olio d'oliva in un tegame e ci ho stufato un grande cespo di scarola, 700-800g all’incirca, tagliata a pezzi, coprendo finché si è asciugata tutta la sua acqua. Per condire gli gnocchi l’ho ritagliata a pezzettini minuti con le forbici. In ultimo, in una padellina, ho scaldato 150g di fettine di rigatino affumicato di 4mm circa di spessore, tagliate a tocchetti piccolini, spegnendo prima che diventino croccanti.

Poi si procede all'assemblaggio di gnocchi, pancetta e scarola con spolverata di pepe nero e parmigiano.

Nel menu di  Dicembre 2014. Pranzo domenicale




Rigatino affumicato (da un sito produttore): si ricava dalla parte magra della pancetta di maiale italiano. Si rifila in modo da dargli la caratteristica forma rettangolare, quindi viene lavorato con sale, pepe ed erbe aromatiche. Successivamente viene appeso per l’affumicatura al legno di olivo. Viene quindi tagliato a strisce adatte per essere rosolate in padella in pochi minuti.

Tocchi di patate dolci e la magnifica vaporiere indiana di Dolcesca.



***

Aggiornamento ottobre 2016

Questi gnocchi sono meravigliosi




4 commenti:

isolina ha detto...

Che invidia quella vaporiera!

la belle auberge ha detto...

Ho molto apprezzato i consigli sulla preparazione degli gnocchi, specie quello di passare due volte allo schiacciapatate la patata americana per le ragioni su descritte. Oltretutto, mi riesce più facile approvvigionarmi di questo tipo a pasta bianca, piuttosto che del tipo arancione, per comprare il quale devo recarmi al banco frutta e verdura dell'esoso Eat's. Brillante anche l'idea del condimento.Grazie infinite,Dolcesca.

artemisia comina ha detto...

erano strabuonissimi.

la belle auberge ha detto...

non avevo dubbi!
un abbraccio, Artemisia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...