martedì 18 novembre 2014

Crostata all'arancia, brulée.


Di Artemisia Comina

Frolla: 200g di farina, un uovo, vaniglia, sale, 80g di zucchero, 70g di burro.

Una volta ho usato una teglia a fondo mobile, bordi bassi, di 24cm di diametro; un'altra una fascia di acciaio a bordi bassissimi, 26cm di diametro (quella delle foto).

Rivestire la teglia con la frolla e cuocere in bianco: 10' con carta e sassolini, 10' senza, a 200°.

500g complessivi di farcia, di cui un terzo di marmellata di arance amare, due terzi di panna fresca addensata (ridurre di un terzo su fuoco basso della normale panna fresca) aromatizzata con semi di cardamomo; aggiungere alla marmellata e alla panna due rossi battuti e montati con due cucchiaiate di zucchero.

Cuocere a 120° per 45'.

Far raffreddare, cospargere di zucchero scuro (moscovado o panela) caramellare con il cannello.

Nel menu di  Dicembre 2014. Pranzo domenicale


Aggiornamento novembre 2014. Prima pubblicazione, il 27/11/2007.  

Le foto sono tutte della versione 2014; questa volta invece che panna ho usato yogurt greco, ma solo perchè pioveva fittamente,  e la prima non era in casa. Ho voglia di riprovarla diminuendo drasticamente la panna, ferma restando la caramellatura. Sono quesi certa che anche la prima versione fu fatta in certo modo, perchè era quello che c'era in casa. Trovo piacevole lo spessore bassissimo. L'ultima foto, nella fredda luce di un mattino novembrino, ritrae anche le conseguenze della colpevole ditata che ha tastato la superficie.


2 commenti:

qbbq ha detto...

deh, codesta ditata biricchina, quasi wabi-sabi direi...
bella cosa artemisia e mi piace molto l'altezza della crostata: gli anelli da pasticceria sono forse un poco scomodi da usare ma secondo me creano crostate perfette, quanto a dimensioni. set

artemisia comina ha detto...

l'anello permette anche di ignorare il tirar fuori l'oggetto, che altrimenti può turbare. questo bassissimo piace molto anche a me.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...