venerdì 31 agosto 2018

Riso pilau come a Zanzibar, con latte di cocco



Da Artemisia da piquant.post con i soliti piccoli adattamenti.

Fa parte della famiglia Risi esotici. Pilau dell'Africa sub shariana
 
Fare un brodo (di carne, di verdure; io ho fatto un brodo di spezie: un litro d'acqua, e dentro spezie miste come le vendono i cinesi, già pronte, a grossi pezzi, per cui si possono poi scolare bene)

Preparare: 1 cipolla tritata, 3 spicchi d'aglio ridotti in crema, 1 peperoncino fresco tritato

In una padella grande: 3 cucchiai di olio di oliva, quindi cipolla aglio e peperoncino; stufare 5' a fuoco medio aggiungendo un goccio d'acqua e mescolando di tanto in tanto.

Fare un mirepoix di due mezzi peperoni polputi, uno giallo e uno rosso.

Triturare grossolanamente una manciata di frutta secca, in questo caso, noci e nocciole

Preparare un'altra manciata di frutta secca, in questo caso uvetta a mango (tagliato a pezzetti minuti).

Triturare un par di pollici di zenzero fresco pelato.

Aggiungere il tutto a quanto è già in padella.

Aggiungere una foglia di alloro.

Mescolare e far andare 2'.

Aggiungere 500g di riso basmati, mescolare e far andare 1' (5' senza mescolare se si vuol rovesciare e avere cupoletta un po' dorata).

Preparare una tazza di latte di cocco (250g). Aggiungervi tanto brodo quanto basta a ottenere liquidi che raddoppino il volume del riso (circa un litro, ma tenete un po' di liquido pronto per eventuali aggiunte).

Versare i liquidi sul riso, mescolate, salate parcamente.

Cuocere a fuoco lento, badando che il riso non si attacchi, fino a quando il liquido viene assorbito (15-20 minuti).

Tirarlo fuori dal tegame, sgranarlo, metterlo nel piatto di portata.

Accompagnava dei Gamberetti all’aglio e peperoncino.Garlic Pili Pili Prawns

Nel menu di  Agosto 2018. L'unica cena del mese, ma sul terrazzo


Da piquant.post

Zanzibar is an island in the Indian Ocean off the coast of Tanzania. Located in the heart of historical ocean trade routes between Africa, the Middle East and Europe, modern Zanzibar reflects the cultural influences of its Swahili, Arab Muslim, and European predecessors. Known locally as the ‘Spice Islands’, the spice crops of nutmeg, cloves, black pepper, and cinnamon still comprise a large part of the Zanzibari economy.
Zanzibar Pilau is a common rice pilaf dish eaten throughout East Africa tracing its roots to the Middle East. In fact, both the words Pilau and Pilaf are related to the original Persian word for a rice dish Polow. Pilau is meant to be hearty, and often contains a variety of nuts, dried fruits, vegetables, spices, and even meats. This recipe is spiced as you would find in Zanzibar: warming spices of clove, nutmeg, and cinnamon; savory spices of star anise, cardamom, cumin and coriander; and ginger and turmeric for depth and color, respectively. Try this spice in soups and stews. Or, add meat for a one-pot meal.

Adding nuts and dried fruit is common in Middle Eastern and African dishes. Any nuts will work, but we prefer raw, unsalted nuts for best results. Try cashews, sliced almonds, chopped walnuts or pepitas (Mexican pumpkin seeds). Dried apricots, cranberries, cherries, dates, or raisins are delicious. 

***

Aggiornamento Settembre 2018

Nel menu di Settembre 2018. Souvenir africani su un terrazzo settembrino

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...