giovedì 13 ottobre 2011

Seppie farcite con il nero




Di Artemisia che accogliendo il suggerimento avuto dalla viva voce di Uliassi di non pulire le seppie fino a ridurle a bianca plastica, le lascia con il loro saporito velo bruno.

Poi le vuole farcire; la prima farcia che le viene in mente usa il loro stesso nero, mescolandolo ai loro tentacoli tagliati a pezzetti, del pane scuro ridotto in briciole, delle acciughe a pezzetti, del prezzemolo e del basilico tritati, un pezzetto di spicchio d'aglio risotto in crema. Niente sale, pepe nero appena macinato.

La farcia viene spinta dentro la seppia e trattenuta da un par di stuzzicadenti appena appuntati, che verranno tolti a cottura avvenuta.

Sopra un giro d'olio d'oliva e un pizzico di fleur de sel.

Forno a 200° per 20'.



Nota: la prossima volta lascerei i tentacoli dove sono; attenzione nel prelevare il nero, il sacchetto si rompe facilmente: aiutarvi infilando una appuntita forbice nella bestia e staccando tutto, per poi prendere il solo sacchetto del nero; la parte arancio ha una sapidità molto forte che qui eviterei. Strano a dirsi, ma queste seppie abbrunate mi parevano di un bell'aspetto e colore; penso che starebbero bene con un purè di verdi broccoli o con le loro cime appena sbollentate.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...