martedì 23 agosto 2011

Calura e pomodori skatterisciati




Da Isolina

Specialmente quando la calura è intensa e arriva a più di 37 gradi, praticamente febbre, amo rinchiudermi tra le spesse mura e, in penonbra, cucino per la sera. Dopo uscirò a sfidare gli elementi. I pomodori skatterisciati che mi avevano colpito alla lettura della ricetta di Ammodomio sono stati fatti e mangiati giusto freddi al calar della notte e molto goduti. Io ho fatto la versione con le friselle. Ed ecco la ricetta di Ornella:


Lavate ed asciugate perfettamente i pomodori e non li tagliate, devono rimanere integri: scoppieranno da soli nell'olio caldo (da qui il nome) .

In un pentolino dai bordi alti, mettete a scaldare l'olio d'oliva fino al punto di fumo, calateci dentro i pomodori e coprite subito con un coperchio. Fate cuocere per circa 10 minuti a fuoco vivo, poi mescolate, abbassate un pochino la fiamma ed aggiungeteci i capperi, opportunamente sciacquati, il basilico e lo spicchio di aglio. Procedete alla cottura sempre a pentola coperta, controllando che l'aglio non bruci e rimestando di tanto in tanto. Dopo circa un quarto d'ora aggiustate di sale, fate insaporire per altri 5 minuti, togliete l'aglio e spegnete il fornello.

Se volete mangiare i Pomodori skattirisciati con le friselline (o con fette di pane raffermo), mettete le frise in un piatto, senza bagnarle e ricopritele di pomodori ancora caldi. Lasciate intiepidire e gustate!

1 commento:

salamander ha detto...

buonissimi!
avevo visto questa ricetta sul gambero rosso a "questo l'ho fatto io" e la ragazza li proponeva come accompagnamento alla pitta pugliese.ovviamente li ho provati: ottimiiii!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...