martedì 4 luglio 2017

La pecan pie di Jeff


Da Isolina

Esagerando certamente, perché non si può mai dire una cosa del genere, ho detto che è la torta più buona del mondo, ma sta di fatto che una certa combinazione di sapori e consistenze, veramente la rendono speciale. Certamente di pecan pie, originaria del sud degli Stati Uniti, ce ne sono moltissime versioni; questa è quella che Jeff ci ha fatto, anno dopo anno.

Il guscio è una friabile versione (di pasta frolla, direi) fatta con 2 tazze di farina (più quella per la spianatoia; questa volta, ho visto, era manitoba), 1/2  cucchiaino di sale, 1 cucchiaio di zucchero, 120g di burro, 3 cucchiai di acqua ghiacciata, eventualmente altra all'occorrenza.

Normale procedimento per frolla, quindi lungo riposo in frigo (l'ha lasciata tutta notte), poi stesura (ha usato il mio mattarello di marmo!), accomodamento nello stampo di 20cm, coperto con carta alluminio imburrata, fagioli per peso e cottura in forno a 218° per 12' (io prendo in giro Jeff per queste precisioni).

Quindi fuori dal forno, e vengono tolti il foglio di alluminio e i fagioli .

La temperatura del forno viene ridotta a 176° per la fase successiva.

Ripieno:

In una ciotola sbattere 5 uova fino a quando spumeggiano, aggiungere 1 tazza di zucchero bianco, 1/2 tazza di zucchero bruno, pizzico di sale, 80g di burro sciolto, 2 tazze di noci pecan (in parte grossolanamente tritate, alcune lasciate intere per dopo).

Mettere il tutto in un tegame e scaldare a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto fin quando non lo si senta caldo toccandolo con un dito; non far bollire. Aggiungere 1 cucchiaino di estratto di vaniglia.

Mettere lo stampo con il guscio su un vassoio da forno.

Versare il ripieno nel guscio che deve essere ancora caldo.  

Le noci pecan intere metterle come più vi piace (questa volta Jeff le ha messe alla rinfusa, altre volte le aveva ordinatamente disposte a raggiera).
 
Infornare e cuocere per 30/40' a 180° fin quando la mistura non sembra una gelatina.

Buonissima, e classicamente, accompagnata da gelato.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...