giovedì 14 giugno 2012

Gallette di ricotta e quinoa



Di Isolina

Da polpette fallite, a tortino/galette di successo.

Faccio cuocere 1/2 tazza di quinoa e la lascio gonfiare fino a completo assorbimento dell'acqua.

Lavoro bene della ricotta di pecora (200 g circa), aggiungo basilico tritato, poi la quinoa, un pizzico di scorza di limone grattata, basilico sminuzzato abbondante e un uovo. Impasto e rimpasto.

In una padella metto un filo d'olio d'oliva (sono ancora a dieta ma domani arriva un'amica) e qualche cucchiaiata di passata di pomodoro, faccio restringere un poco.

Con le mani umide faccio delle perfette palline e le adagio nel rosso. Sembra che vada bene, ma no... si sfanno. Evidentemente l'uovo non era sufficiente e l'impasto troppo molle... Cheffare? Rimescolo bene il tutto, ungo avaramente un tegame da forno e ci calo il magma.

In forno ventilato per 40 minuti a 180°.

Tanto per fare, con un coppapasta (come non mi piace questo nome) ne ricavo dei dischi, così sembra più invitante. Un po' secchino, dice Amedeo, ma buono e lo spruzza con aceto. Vero, un po' secchino, ma deliziosamente secchino dico io e aggiungo succo di limone. Insomma si può fare e non rinuncio all'idea delle polpette.

1 commento:

Tekeros ha detto...

Qlxchange Ha detto: interessante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...