domenica 10 marzo 2013

Francia. Alsazia, Lorena. Flammekueche, tarte flambée


Da Artemisia in esplorazione del nord della Francia. Alsazia (ma la tarte passa i confini e arriva in Lorraine e in Germania).

Ci vuole una pasta da pane, noi diremmo da pizza; per esempio: 500g di farina, 200g di acqua, 25g di lievito di birra (10g se si può attendendere e fare una lievitazione più lunga), 50g di burro, un pizzico di sale: far raddoppiare, sgonfiare, stenderla molto sottilmente in due grandi teglie rettangolari.


Affettate molto finemente tre grosse cipolle dorate, fatele sudare in padella con un goccio d'acqua fino a che non sono traslucide.

Riducete in julienne sei fette di pancetta affumicata.

Frullate 400g di ricotta con 400g di panna fresca. Salate, pepate con pepe nero appena macinato, aggiungete un po' di noce moscata gattugiata. Spalmate sulla pasta lasciando piccolo bordo.

Disseminatevi su pancetta e cipolle.

Forno al massimo della temperatura (almeno 250°) per una decina di minuti.


Nota: ovviamente in Alsazia si guardano bene dall'usare le nostre panna e ricotta. Usano crème fraîche e bibeleskäse (fromage blanc più spesso del solito; condito con aglio e ciboulette accompagna le patate; non so se anche nella flamme lo mettono a volte così condito; non ci starebbe male); quanto al forno, dovrebbe essere a legna alla massima temperatura, quando fiammeggiando ancora si appresta ad accogliere il pane: allora si infilano dentro le flammekueche. Un tempo, per chi nella campagna di Strasburgo festeggiava l'andare al forno comune con il suo pane da cuocere una volta alla settimana; di recente è diventata irresistibile moda cittadina con appositi forni. Se volete mangiarla come si deve, fatevene un pezzo, arrotolatelo e mangiatelo con le mani.

Ricetta.

Storia.


1 commento:

alessandra purificato ha detto...

Che meraviglia! Mi è venuta una voglia..
La conosco bene ed è buonissima!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...