domenica 27 novembre 2011

Cavolo rosso stufato con cumino e limone


Di Isolina

Piccola cronaca. Miagolii strazianti, certamente Rossini, ma da dove? Continuano. Vengono dall'orto... Rossini annaspa disperatamente nel grande serbatoio d'acqua. Bagnato fino all'osso. Non tenta neanche di asciugarsi, si lascia fare. Lo mettiamo al caldo vicino al termosifone. Torno in cucina dove si prepara un pranzo della domenica, vegetariano.

Cavolo rosso stufato con cumino e limone

Lo trovo irresistibile, non solo per il colore, ma anche per un gusto particolare, cavoloso ma, come dire, raffinato? Compagnia ideale per carni un po' grasse, ma anche salsicciotti o anitra, per esempio. A volte aggiungo mele, ma alla fine lo preferisco liscio (Artemisia invece ne fa una verisone con mele: Chou rouge braisé, ovvero verza rossa brasata con le mele).

Per cominciare bisogna munirsi di padella o tegame veramente ampio in modo che le fettuccine di cavolo (bisogna tagliarlo a fettuccine) non si affollino più che tanto. Certo un po' si affollano e accavallano, ma non più di tanto.

Nel tegame metto olio d'oliva, peperoncino e semi di cumino; quando questi ultimi saltellano aggiungo la scorza di limone tagliuzzata finemente (non grattata), la cipolla tagliata sottile e due foglie o tre di alloro.

Quanto la cipolla ha preso un leggero colore calo il cavolo, salo e faccio andare a fuoco vivo fino ad avvizzirlo per bene.

A questo punto verso un mezzo bicchiere di succo di mele (anche sidro va bene o vinello, ma il gusto non sarebbe lo stesso) e proseguo la cottura fino a evaporazione dello stesso.

Copro, lascio andare per ulteriori cinque minuti e spengo il fuoco.

Si può riscaldare senza pericolo alcuno, anzi.





1 commento:

Unknown ha detto...

lo adoro anch'io ma non ho lai pensato di aggiungervi il cumina bacio simmy

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...