venerdì 26 febbraio 2010

Totani e patate alla moda di Atrani, Salerno.


GianniM vede una ricetta di totani e patate su AAA, gliene viene in mente un'altra, di Atrani, provincia di Salerno e me la manda. Eccola (grazie, Gianni).

Per 4.

Procurarsi cinquecento grammi di totani puliti (niente occhi, nè becco, nè intestini) e tagliati in pezzi non troppo piccoli.

Schiaffarli in una insalatiera e aggiungere, mescolando intimamente, anche con le sante mani: tre grosse patate sbucciate e ridotte a dadini, 200g di olive di Gaeta denocciolate, 100g di piccoli capperi dissalati per bene (lavateli con acqua corrente; non usate quelli in salamoia), 200g di pan grattato (meglio grossolano, meglio fatto da voi), 100g di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale (ricordatevi i sapidi capperi), pepe nero appena macinato, olio d'oliva e.v.

Versare il tutto in una teglia da forno e cuocere per 30' a 200° (forno già caldo). Volendo, si possono anche cuocere in tegame sul fornello.

Su AAA c'è anche questa altra ricetta, più semplice, solo totani patate e olio d'oliva:  Totani, o seppie, e patate

7 commenti:

Anonimo ha detto...

E poi? Dico dopo aver intimamente mescolato? Son io cieca o manca metodo cottura? Sembra promettente la cosa
Isa

Anonimo ha detto...

Si fanno come la ricetta precedente, in forno? Ci sono arrivata?
Isa

Artemisia Comina ha detto...

ci vedi benissimo. sono io che sono scema. ho corretto, grazie :)))

papavero di campo ha detto...

una ricetta che parla e canta!

Chiara ha detto...

il 50% delle mie radici è lì....sento che potrebbe venirmi bene...

frenci ha detto...

la voglia di mare sta cominciando a salire, per giunta alimentata da piatti come questo... quando poi al pesce vengono aggiunti il pane grattugiato ed il parmigiano vado in brodo di giuggiole, secondo me niente come il parmigiano esalta il sapore delicato del pesce, e niente come il pane (oltre alle patate) ne assorbe gli umori... ciao artemisia, buon weekend

loulou ha detto...

Cara Artemisia, è ora in forno. Di solito riduco della metà rispetto alla dose il pangrattato e parmigiano. Ti dico con affetto che è diventato un piatto di famiglia, utile a far mangiare il pesce anche a chi non lo mangia, grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...