lunedì 23 settembre 2019

Pesto alla genovese


Versione di Ida ligure

Da Ida, ovvero Imperiuzza

Tanto basilico e uno spicchio d'aglio (non esagerate, tendenzialmente piccolo, poi ci si regola a seconda dei commensali; tenete presente che è una ricetta familiare, ad esempio se lo faccio per le mie ragazze uso pochissimo aglio o addirittura non lo metto).
 
Poi pinoli, pecorino (c'è chi preferisce un aroma più delicato e usa metà pecorino e metà parmigiano)
e olio d'oliva sopraffino.

Si frulla - meglio con le lame ghiacciate (anticamente si batteva il basilico in un mortaio di marmo con pestello di legno per mantenere la brillantezza; feci l'esperimento da adolescente e capii che non faceva per me).
  
L'acqua della pasta si mette sul fuoco fredda, con dentro sale, una patata a pezzetti e un pugno di fagiolini.

Patate e fagiolini cuociono insieme con la pasta - qui sono trofie, poi si scola il tutto e si condisce con il pesto.

Se occorre, al momento di condire si allunga con un poco di acqua calda della pasta

Nel menu di Ottobre 2015. Una cena in giallo da Ida e Alfredo.


Versione di Artemisia con basilico surgelato

Da Artemisia con molte consultazioni di Ida.

Risolvo un problema: evitare il temutissimo pesto di un verde tendente al cacca d'oca, ossidato. Teo aveva fatto un vero bosco di vari basilici; lo ha sbollentato alla velocità della luce, cavato via, strizzato benissimo, infilato in stampini da circa 200ml, surgelato, cavato via dagli stampini, messo in sacchetti. Ora ne abbiamo una riserva; l’acqua la usa, e dice che è saporitissima di basilicità. Con tale basilico surgelato scopro che si fa un pesto ottimo, di colore incantevole. Niente scongelare, ma giù nel tritatutto, basilico congelato, tocchetti di parmigiano e/o pecorino, poco olio d'oliva (o stucca come dice Ida), pinoli (questa volta avevo noci, vabbè’) e un po’ di acqua di cottura quando si usa. Sapore e colore super, verde giada! Dimenticavo: una puntina di aglio! Ida dice che il pesto si può conservare in barattolini, coperto d'olio, per qualche giorno.

Per 200g di pasta.

Del basilico va sbollentato alla velocità della luce, cavato via, strizzato benissimo, infilato in stampini da circa 200ml, surgelato. Mettete uno di questi tocchi di basilico surgelato nel tritatutto.
 
Poi pinoli, pecorino (metà pecorino e metà parmigiano), una puntina di aglio e 200mml circa  olio d'oliva sopraffino.

Si frulla fino a crema fine.

Al momento di condire si allunga con un poco di acqua calda della pasta.
  
L'acqua della pasta si mette sul fuoco fredda, con dentro sale, una patata a pezzetti e un pugno di fagiolini.

Patate e fagiolini cuociono insieme con la pasta - qui sono linguine, poi si scola il tutto e si condisce con il pesto.







Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...