domenica 12 marzo 2017

Terrine aux epinards, terrina con salsicce e spinaci




Artemisia fa una ricetta di Patés, tourtes et terrines, Christian Delu, Solar 1982. Sono stati necessari aggiustamenti: meno salsicce.
 
Sbollentare e triturare 1kg e mezzo di spinaci (ho usato i surgelati).

Triturare finemente 250g di pancetta affumicata.

Triturare due cipolle e uno spicchio d'aglio (ovviamente avete pelato le une e l'altro e avete tolto il germoglio all'aglio).

Mettere in grande ciotola 500g di salsicce spellate (Delu dice 1kg, sarebbe una terrina per Gargantua); aggiungere la pancetta, gli spinaci, la cipolla, l'aglio: mescolate intimamente con le mani.

Aggiungere 3 uova una dopo l'altra mescolando.

Aggiungere noce moscata e un po' di pepe nero appena macinato; poco sale. Mescolare.

Guarnire una terrina - io una di ghisa da un litro - con del lardo tagliato molto finemente (io guanciale; prima ho messo della carta da forno, non necessaria, ma..).

Forno a 180° per un'ora e mezza.

Far raffreddare.

Servire con della maionese (due uova, 250g di olio d'olva delicato, qualche goccia di limone o di aceto, sale, 20' di tempo circa; alcune persone sono molto contente se trovano della maionese fatta a mano).

Sul tavolo di  Marzo 2017. Spuntino marzolino



Mi è avanzato del composto; quel tanto che bastava per una terrina da 1/4 di litro. L'ho messa sulla tavola della Cena del cantiere, senza maionese, ma condendola con un giro d'olio d'oliva. Forse con un kg e mezzo di spinaci freschi non avrei avuto avanzi.



2 commenti:

la belle auberge ha detto...

Mi piace la ricetta e anche il cavallino svedese.

artemisia comina ha detto...




:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...