lunedì 4 maggio 2015

Testaroli con le erbette


Di Isolina

I testaroli erano del tutto DOC essendo di Pontremoli e portati dalla mia amica Tullia che passava di qui. Disse che si potevano surgelare e così feci. Poi si buttano in acqua e si cuociono, perfettamente. Secondo me i testaroli sono la più antica forma di pasta inventata… dopo tutto è pasta, no? E aguzzando l'ingegno quelle genti semi-montane sono arrivate a fare delizie. I testaroli, di solito, si mangiano con il pesto o una variante di pesto. Quindi basilico, e per me non è la stagione, devo aspettare tempo migliori.

Ma sono pronte da cogliere tenere perfette bietole da taglio o erbette come si chiamano a Milano. Quidi mi sono detta che potevo fare con quelle. Erbette messe in un larghissimo tegame (poi si riducono a quasi niente) grondanti della loro acqua di cottura. Ho salato e coperto, scoperto rimescolato, ricoperto. Il tutto per direi neanche 10 minuti.

Tolto il residuo liquido, ho messo nel tegame un bel pezzetto di burro e un pezzettino di 'nduia e ho fatto andare per insaporire bene le bietoline.

Messi a cuocere i testaroli, appena sono venuti a galla li ho scolati e messi nel tegame con il condimento e ben insaporiti. Abbondante parmigiano grattato, dopo aver spento il fuoco; poi ho ancora ben mescolato.

Golosamente mangiato una porzione per almeno quattro, in due, confesso. Ma era domenica...


2 commenti:

oriano mambelli ha detto...

io non cuocio così i testaroli. Quando l'acqua per la pasta bolle spengo e nello stesso momento butto i testaroli: un minuto e son cotti

isolina ha detto...

anche quelli surgelati?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...