martedì 26 maggio 2015

Aringhe marinate come nei bistrot, harengs à l'huile.




Da Isolina

Fu proprio in un bistrot di Parigi che, poiché tanto erano piaciute, il patron mi incoraggiò a farle chez nous. Mi disse che assolutamente le potevo preparare  per monsieur, che era estremamente facile farle a casa, e così feci e continuai a farle, di tanto in tanto, sempre con successo.

Acquisto  aringhe affumicate. Le metto a bagno in latte per due giorni, cambiando il liquido una volta. Scolo e asciugo.

In una terrina faccio uno strato di aringhe (che taglio a pezzi), uno di cipolle,  a sottili rondelle e sparpagliate, uno di carote pure in sottili rondelle, quindi limoni a fettine sottili, qualche grano di pepe nero qua e là, del timo e delle foglie di alloro. E poi ripeto gli strati, finendo per bellezza con le fettine di limone. Il tutto coperto d'olio d'oliva.

Si chiude bene e si mette in frigo per almeno due giorni.

Tolgo dal frigo almeno un'ora prima di metterle in tavola. In genere le servono con patate bollite, calde, nature e così faccio anch'io. Spero quest'anno di avere pronte delle patate novelle.

3 commenti:

qbbq ha detto...

Ovviamento invidiovi limoni colti dall'albero grandemente...quel libro della Wells e' una miniera di idee eccellenti, ma lei sempre molto brava. Ma i limoni poi li mangiate tipo in insalata?

isolina ha detto...

Io si, insieme alle patate e alle cipolle sono buonissimi. By the way, da quando siete partiti il tempo è deteriorato...

Giuliana ha detto...

grazie Isolina! Come ti ho detto, mio genero le adora, ne sarà contento quando le vedrà in tavola!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...