lunedì 6 aprile 2015

Spinaci Cibreo, ovvero mousse di spinaci


Da Artemisia

per 8/12 persone
                      
Pulite bene 2 kg spinaci e cuoceteli con un po' di sale nell'acqua restante dal lavaggio, per il minor tempo possibile; buttateli in abbondante acqua fredda, scolateli e con delicatezza cercate di eliminare più acqua possibile (tamponateli con carta da cucina).

Tritateli su un tagliere.

Dopo averli messi in una zuppiera, aggiungete: 500g di ricotta di mucca, 3 uova intere, 150g di parmigiano grattugiato, un pizzico di noce moscata, 1 bicchiere olio  extravergine di olivasale.

Mixer a immersione, per rendere l' impasto più liscio ed omogeneo possibile.

Versatelo in una media teglia da forno (lo sformato deve venire  alto 4cm circa), imburrata,  avendo cura di lisciare la superficie.

Infornate a 150° e lasciatelo pochi minuti, giusto il tempo che si formi un sottile velo (circa 15').




Note: è di un bel verde brillante e di un buon sapore, netto, di spinaci; mi piace assai.  Cibreo che? C'entra e non c'entra, poichè credevo fosse ricetta del ristorante omonimo, fiorentino (dove sono per altro stata più volte con gusto); ma ho scoperto che questa ricetta è a metà. Quella del Cibreo prosegue la cottura ben più a lungo, finchè non si può sformare; ma io lo apprezzo così (anche così?). Il Cibreo d'altro canto è un cibo, un misto di rigaglie di pollo cotte a ragù, che nel passato della cucina fiorentina borghesa accompagnava sformati di spinaci. Quindi ciò che usciva dalla porta rientra dalla finestra eccetera.

Nel menu di  Novembre 2009. La cena dello spezzatino d'agnello turco con le verdure invernali

Nel menu di Dicembre 2002. Una mescolata compagnia

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...