venerdì 21 novembre 2014

Pollo quasi cinese


 Di Isolina

Una cosa minimalista, molto saporita, veloce come il vento.




In una padella con un velo di olio di sesamo ho fatto andare per un minuto vivacemente i petti di pollo tagliati in striscioline, quindi li ho tolti, irrorati con salsa di soia e uno schizzo abbondante di mirin e messi da parte.

Nella stessa padella ho calato un peperoncino verde, una spruzzata di semi di cumino, aglio.

Appena caldi ho aggiunto dei friggitelli pelati (con il pelapatate, per togliere la buccia alquanto dura) e tagliati in striscioline, ho dato due o tre rimescolate e poi dei cipollotti anch'essi juliennati, e una manciata di germogli di cavolo nero e una di cime di rape (quelle che rinascono dopo il taglio della testa; in alcuni mercati si trovano, oltre che nel mio orto). Tutto a fuoco vivo per alcuni minuti.

Ho quindi aggiunto il pollo e ho cotto, sempre a fuoco vivo, per non più di uno o due minuti.
Niente sale vista la presenza della soia.

Sarebbe andato benissimo come accompagnamento ad un riso in bianco ma… invece solo una bellissima insalata mista.



Il dipinto da art-virtue.com


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...