venerdì 1 aprile 2011

COPENHAGEN. RISTORANTE MADKLUBBEN.




Cammina cammina; bianca, gelida Copenhagen. Tutti riposano dopo Natale, i ristoranti chiudono. Ne troviamo uno pieno di vita tra pochi altri sonnacchiosi e vuoti. Popolarissimo e ovviamente elegante e design. Giovani di grande bellezza caciareggiano lievi.

Cucina accurata, come di una casa ospitale, un delizioso pane nerissimo e aromatico come se ci fosse sciroppo d'acero, la crosta quasi caramellata, su cui spalmare un sontuoso burro giallo. Stracotto di maiale con mirtilli rossi e mele.

Delle deliziose patate che sembrano semplicemente "strascicate" in padella, suppongo con poco burro, rustiche e schiacciate con la forchetta, adorne di un po' di erba cipollina, buonissime, mi fanno acutamente invidiare la cultura dei tuberi, che li conosce e li apprezza.

Ho mangiato un formaggio "blu"' erborinato, cosi' fondente - non cremoso, fondente; insomma mi e' piaciuto assai - che mi sono chiesta: come stanno a formaggi? Cultura in evoluzione, sembra, con ispirazioni francesi, e buoni presente e futuro.

Madklubben

Store Kongensgade 66

Dalle parti di Rosenborg e Frederikstad

1 commento:

annamaria ha detto...

Interessanti questi piatti. Lo stracotto di maiale con mirtilli è presente in tante zone altoatesine ma anche austriache,così come le patate"strascicate" ed erba cipollina.Mi piace vedere questi ritorni in altre terre che ci sembrano così lontane ed invece,almeno dal punto di vista culinario,hanno delle notevoli vicinanze.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...