lunedì 21 marzo 2011

Crostata di pistacchi




 
Da Artemisia

Frolla: 250g di farina00, 125g di zucchero, 125g di burro, due uova piccole; lasciarla riposare un'ora in frigo, è assai morbida e molle.

Distendere la pasta su un pezzo di carta da forno bagnata e molto ben strizzata (é assai appiccicosa, usate abbondante farina o stendetela mettendo la pellicola trasparente tra il matterello e la pasta) e disporla in uno stampo di 22cm con il bordo abbastanza alto (meglio se avete la fascia di acciaio senza fondo: stenderete la pasta sul tappetino di silicone e la ritaglierete appoggiandovi su la fascia). Aggiustate i bordi in modo che la pasta non sia presa tra le pieghe della carta (se usate la fascia fate il bordo con una striscia di pasta). Punzecchiarne il fondo con la forchetta.

 
Farcia: 200g di pesto dolce di pistacchi (si vende in vasetti), 200g di zucchero, un cucchiaino di pasta di vaniglia (o essenza), uno o due cucchiaini di liquore al mandarino (cambiatelo pure con ciò che preferite), due o tre tuorli d'uovo (dipende dalla grandezza delle uova) e 50g di burro fuso. Mescolare bene.

Montare gli albumi e aggiungerli al resto mescolando con delicatezza, muovendo l'impasto con il cucchiaio di legno dal basso verso l'alto.

Riempire il guscio di frolla facendone ricadere i bordi sulla farcia; la pasta cuocendo "svenirà" dolcemente sul ripieno, che gonfia alquanto, e si confonderà con esso.

Cospargere la superficie della torta con 50g di pistacchi interi non salati.

Cuocere in forno già caldo a 150° per tre quarti d'ora (non più caldo, o si deforma). Lasciar intiepidire la crostata, tirarla fuori dallo stampo aiutandosi con la carta da forno che farà da imbracatura (oppure sfilata la fascia, sollevatela con un paio di spatole).

Spolverarla sui bordi di zucchero a velo, lasciando in evidenza un centro dorato e verdeggiante di pistacchi.



Note: è un'ottima torta dall'interno che sembra un marzapane di pistacchi umido e molle e il guscio friabile; frolla e farcia fondono.

Questa crostata è la versione ai pistacchi della squisita torta di mandorle di Courtine



Qui, ancora gonfia, è appena uscita dal forno.

L'interno della crostata lo trovate fotografato nella cena nella quale è stata portata.

7 commenti:

Mela ha detto...

Ma dai?? Tutti ingredienti che consumiamo frequentemente.
Da noi regna il pistacchio di Bronte (proprio questo weekend l'ho usato in granella su una torta, come da ultimo post).
Allora mi basta combinarli insieme e provare questa meraviglia che avevo già ammirato su Facebook...
E tu che dicevi "se mi convince la posto": poteva non essere buona??
Bravissima.
(La provo sicuro!)

artemisia comina ha detto...

mela, l'interno è molto morbido e umido, una sorta di marzapane di pistacchi molto fondente. non ho messo la foto perché notturna e qui stonava, ma la trovi se vedi la cena dei pizzoccheri. anzi sai che ti dico, metto un link.

artemisia comina ha detto...

a propostito, ho usato solo pistacchi di Bronte, sia interi che in crema ; )

Mary ha detto...

Molto buona!

Luciana_D ha detto...

Spettacolare!!!!! la copio subito. Ho tantissimi pistacchi,aime' non di Bronte.Adesso so cosa farne.Grazie :))

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

E' troppo affascinante il verde pistacchio...un incontro tra vienna e l'oriente...

marifra79 ha detto...

Dev'essere di un buono! Dalle mie parti non si trovano facilmente i pistacchi ed è un vero peccato! Sono stata fortunata solo una volta l'anno scorso ad aver scovato un negozietto di solo prodotti siciliani che aveva quelli di Bronte! Un abbraccio e buona serata

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...