sabato 13 novembre 2010

Carciofi e fregula



 
Di Isolina

Il mio amore per la fregula iniziò in modo del tutto platonico. Ne avevo letto, ma non la conoscevo de visu. Un giorno, tanti anni fa, visitando un meraviglioso negozio di Cambridge (US no UK) chiamato nientemeno che Formaggio Kitchen che cosa vedo? Lei la fregula, ed esclamo a voce piuttosto alta "la fregula". Zac la compero e da allora mai più mollata. Anche perchè ormai si trova dappertutto o quasi.

In questo piatto, diciamolo pure, l'aspetto non è entusiasmante, ma il sapore... Bisogna avere sottomano un buon brodo.

I carciofi li affino fino al giusto punto (detesto trovare foglie dure) e li taglio in 8 spicchi. Li metto a rosolare (salvo uno che friggo!) in un tegame con olio d'oliva, 3 spicchi d'aglio tritato abbastanza fine, un peperoncino verde, abbondante maggiorana, 2 belle strisce di scorza di limone tagliate a filettini minuscoli.

Appena l'aglio incomincia a prendere colore metto i carciofi, salo e mescolo. Incoperchio e cuocio a fuoco dolce per 5 minuti.

Intanto metto a bollire il brodo e al momento giusto butto la fregula. Dopo circa 5 minuti, aggiungo i carciofi e faccio bollire ancora qualche minuto.

A fuoco spento o sul piatto aggiungo abbondante parmigiano.


E' tempo di olio nuovo.
 

7 commenti:

Caty ha detto...

mai sentita nominare ma d'altra parte io passo di qua per imparare ed il piatto è proprio da gustare!

Anna Lekatiki ha detto...

mmmhhh ... mi sembra di sentirne il profumo, è da provare anche se ho sempre preferito la fregola asciutta.
La condisco con i carciofi crudi tagliati a velo, olio nuovo verdino, bottarga (a pezzi e in polvere), pepe e null'altro. E' un piatto che anche nel freddo inverno mi scalda il cuore.

isolina ha detto...

Che interessante Anna! Proverò senz'altro. La fregula la fai bollire in acqua? A proposito, tu dici fregola, non fregula: differenze regionali, tutte e due vanno bene entrambi o che?

Anna Lekatiki ha detto...

Io uso la dimensione media e la lesso come una normale pasta, ma occorre assaggiarla per verificarne la cottura (i tempi cambiano a seconda del produttore). Aggiungo la bottarga dopo i carciofi e l'olio in modo che la fregola sia tiepida e non ne alteri il sapore e la consistenza. Dico fregola perchè è uno di quei termini sardi che spesso vengono italianizzati e a casa mia l'ho sempre sentita chiamare così. Ci sono anche varianti micro-regionali, ma prevedono denominazioni diversissime come cascas o succu (da non confondere con un omonimo piatto di tagliolini e zafferano)

artemisia comina ha detto...

uhmmm cara anna, ho la viva impressione che potresti passarci qualche ottima ricetta (come questa).

Puddin ha detto...

Direi che le fregule con carciofi mi ispira proprio....da noi le fregule si usano in brodo. Si chiamano 'fregulen mai' che in ligure vuol dire sbricciolare con le mani. Grazie per l'idea. Tra non tanto avremo i nostri carciofi! un abbraccio da ponente, P

Anna Lekatiki ha detto...

Cara Artemisia, lo spero! un piccolo contraccambio alla cornucopia di meraviglie che vedo e apprendo in queste stanze

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...