lunedì 28 settembre 2009

RISO PILAF CON UVA, ZENZERO, ALBICOCCHE.



Di Artemisia Comina.

Mettere in una pentola larga e bassa, dal fondo spesso, un paio di cucchiaiate d’olio d’oliva e una manciata di odori (aglio, cipolla, sedano, carota), tritati molto finemente.

Aggiungere 500g di riso basmati, farlo intridere di grasso.

Aggiungere una noce di zenzero fresco grattugiata, una manciata di chicchi di uva moscato sgranati e una di albicocche secche tagliate a dadini.

Versare sul riso 750g di acqua calda, salare, mescolare.

Coprire. Dopo 10’ sbirciare: se il riso è asciutto, spegnere, sgranarlo, aggiungere una noce di burro, mescolare, far riposare coperto per qualche minuto.

Mettere il riso in un piatto, a cupola, circondato di chicchi di moscato; cospargerlo di qualche ulteriore dadino di albicocca secca, che arancioneggi.

3 commenti:

Grazia ha detto...

come mi piacciono i tuoi verbi! a me non sarebbe venuto in mente "arancioneggiare". stai educandomi al gusto del colore, delle consistenze e... delle parole per descriverli

baci di gratitudine

MarinaV ha detto...

E il dolce moscato ha moscateggiato gloriosamente.

Artemisia Comina ha detto...

gentili fanciulle, albicoccheggio zenzerosamente.