giovedì 13 dicembre 2007

Crema di pere ghiacciata e cioccolato bollente.


Di Artemisia Comina.

Finalmente provata, dopo averla a lungo ponzata.

Sei pere mature per sei persone, tagliate a dadini e cotte col succo di un limone e sei cucchiaiate di zucchero, quindi frullate. Perché la crema di pere non sia troppo liquida, due accorgimenti: farla asciugare in padella antiaderente secca, e aggiungere un cucchiaio di maizena setacciata. Aromatizzare con un bicchierino di cognac e metterla in frigo.

600g di cioccolato amaro fuso a bagno maria e sciolto con uno spruzzo di panna fresca (la crema di cioccolata deve essere fluida, quella della foto non lo è abbastanza), aromatizzato con un pizzico di cannella.

Versare, in coppette grandi quanto un mestolo, la crema di pere ghiacciata e quella di cioccolata bollente. Servire subito.

Ha fatto parte del menu di una cena natalizia.


Nota: questa crema, come quella di cioccolato e cachi, richiede due soli accorgimenti: le temperature, e la fluidità. Le prime devono contrapporre ghiacciato a bollente, la seconda deve essere cremosa per la frutta, fluida per la cioccolata. Se per quest'ultima si prepara il bagno maria con cioccolato grattugiato e panna e lo si avvia mentre si mangia il piatto che precede il dessert, la si avrà pronta al momento giusto.



**************************

Aggiornamento

Nel menu di  Febbraio 2008. Una veloce cena di pesce tra i libri.

Con sopra panna montata e fettine di papaia candita.

 

2 commenti:

Stefano Caffarri ha detto...

questa ha due cose che mi aggallano:
1) poche note
2) il contrasto freddocaldo, che ultimamente mi ispira assai, perchè ha anche un effetto sui sapori.

mi ci vi si proverò.

Artemisia Comina ha detto...

effetto sui sapori: parole sante.

se provi, resoconta :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...