martedì 25 ottobre 2011

Crostata croccante della zia Angela, una sorta di streusel di pere




Da Nepitella Partenopea

Una meravigliosa crostata degna di tale nome; nel senso che risulta croccante come una crosta di pane. Ricetta di mia cognata, anche lei napoletana, che in men che non si dica, tra una chiacchiera e l'altra, con mio fratello di sottofondo che pontifica e teorizza, realizza manicaretti profumati e saporiti. Et voilà con semplicità...

Preparare la pasta frolla con 500g di farina, 200g di burro morbido, 200g di zucchero, un 1 uovo intero e due tuorli, la buccia grattugiata di un limone, un pizzico di sale e mezzo cucchiaino da caffè di lievito per dolci.

Lasciare riposare l'impasto in frigo per un'ora e poi stenderne 3/4 in una teglia per crostate, magari con il fondo rimovibile.

Tagliare 5 pere medie (non troppo succose altrimenti in cottura rilasciano troppo liquido) a fettine, aggiungere un po' di succo di limone, un pugno di mandorle tagliate grossolanamente, dell'uva sultanina (precedentemente reidradata) e 2 cucchiai di zucchero di canna.

Mettere il tutto sul fondo della crostata, livellare e sbriciolarci sopra la pasta frolla rimasta.

Infornare a 170 C° per un'ora circa.



********
Aggiornamento maggio 2016

Artemisia la fa e la fotografa. Fascia d'acciaio di 25cm per 5, avanza un pugno di pasta, cinque decana a cui lascio la sottile buccia rossa, tagliate a grossi spicchi, una tazza di mandorle e una di uvetta. Le pere si comportano bene: non rilasciano un eccesso di liquido; tuttavia, penso che sul fondo ci starebbe bene una spennellata di bianco d'uovo, o uno strato molto sottile di pan di spagna.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...