mercoledì 1 giugno 2011

Schiacciata di farina gialla, guanciale e rosmarino




Di Artemisia, che non prende questa ricetta da qualcuno, e al contempo ritiene che innumerevoli Adalgise, Felicette e Armide l'abbiano fatta negli anni che furono. Magari con lo strutto invece che con olio e burro. Del resto è la sorella salata di questa Schiacciata dolce con la farina gialla, che ha fatto da falsariga e che viene dalle nonne (andate ad apprezzarne lo stile).

Nel mixer: 150g di fioretto (farina di mais a grana molto sottile), 350g di farina bianca00, una bustina di di lievito istantaneo, un uovo, 50g di olio d'oliva, 50g di burro liquefatto e intiepidito, 100g di pecorino semistagionato grattugiato (io ho usato un magnifico Podda, ma per omaggiare il guanciale potete usare il romano).

Impastate aggiungendo tanto latte quanto ne occorre per avere una pasta liscia (munitevi di un bicchiere di latte e cominciate a versare con prudenza: smettete quando la pasta si è amalgamata per bene).

Fate dorare in padella secca 200g di guanciale tagliato a dadini.

Mettete la pasta in una ciotola e mescolatevi il guanciale scolato del suo grasso.

Oliate una teglia di metallo a bordi bassi, circa 30cm di diametro, con poco olio d'oliva; versatevi dentro la pasta e assestatela schiacciandola delicatamente con le dita; fate con i rebbi della forchetta una spirale rigata, partendo dai bordi e avvitandovi verso il centro. Deponetevi su un par di rametti di profumato rosmarino.

Fate cuocere in forno già caldo a 200° per 30'.

La torta é molto saporita e "biscottata", l'ho servita a quadratini, insieme a quadratini di una torta con le fragole; l'impasto si presta certamente anche a dei veri e propri biscotti salati. Accompagnatela con una fresca insalatina.E' più buona fredda, quando la farina gialla sprigiona quella curiosa sensazione di freschezza che la caratterizza in questo tipo di impasto.




************************

Aggiornamento gennaio 2016

Solo con pecorino, per accompagnare salumi. Ho intuito che ci starebbero bene dadolini di prugne secche (dolce - morbido). 


7 commenti:

Anonimo ha detto...

che buona artè, sembra.
assomiglia agli spoon bread americani...cmq foto moolto invitante... stefano

Kina ha detto...

500gr di olio e 500 di burro per un totale di 500gr di farine??? non è un pò troppo?

losmogotes ha detto...

sembra anche a me un po tantino, mezzo litro di olio...
lo proverò subito, ma con 50 burro e 50 olio! ciao

Erica ha detto...

Artemisia sempre ricette eccellenti ^_^ ed è bellissima da vedere!

artemisia comina ha detto...

Cosí conoscete il mio rapporto con i numeri :D
Ovvio che è 50!
Grazie.

Puddin ha detto...

poteva rimanere una segreta domanda esistenziale....da dove aveva iniziata il disegno con rebbi forchetta? Da provare! P

artemisia comina ha detto...

sai che non mi ricordo dove la forchetta ha inziato il lavoro? :DD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...