mercoledì 1 giugno 2016

Asparagi bianchi di orto amico stufati, con salsa al finocchietto e crescione.





Di Isolina, ovvero Brassica Illirica

Karen ed Edoardo arrivano per pranzo con doni preziosi, tra i quali asparagi del loro orto e uova delle loro galline. Non so da quanti anni, decenni, non mangiavo asparagi appena colti in orto amico, bianchi poi, mai. E l'emozione di maneggiare uova di certa origine.

Gli asparagi li ho cotti, come suggerito da Karen, in tegame con pochissima acqua, quasi a stufare. Il brodino che ne viene è veramente buonissimo, come Karen mi aveva detto.

Li ho serviti con una salsina, variante di una già fatta per crostini (ricetta di ispirazione Artemisiesca, su AAA): due uova (bianche belle, piccolette del pollaio suddetto, ovviamente) sode ma ancora mollarelle, in bicchiere con una cucchiaiata di succo di limone, una di olio d'oliva e.v., una del brodetto degli asparagi, poco sale, fronde tenerissime di finocchietto selvatico, un pizzico (ultimo residuato dalla grandine)di crescione.

Una delizia.





Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...