venerdì 11 settembre 2015

Strudel di carciofi e germogli di fave



Di Artemisia

Fare la pasta dello strudel.


Tre/quattro carciofi a fettine saltati nell'olio d'oliva e stufati con un goccio d'acqua, coperti.

Una tazza di piselli freschi e una manciata di germogli di fave saltati nell'olio d'oliva per pochi minuti.

Stendere la pasta:  spennellarla con burro fuso, quindi cospargerla tutta con una tazza di caciocavallo podalico grattugiato; poi su un terzo, germogli, piselli e carciofi, e quattro/cinque cucchiaiate di ricotta mescolata con borraggine e mentuccia.

Arrotolare nel solito modo, spennellare di burro fuso, cospragere di semi di papavero; forno a 200° per 30'.

Servire con una dadolata di sedano di Verona (mezzo sedano) e con e con un coulis di carote (sei carote).


Non so come avessi i gemogli di fave, sono io stessa stupefatta, ma tant'è. Mi sa che avevo comperato delle fave molto fresche e li avevo recuperati. Ovvio che potete metterci i gemogli di quello che vi pare, basta che sia una vera primavera.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...