lunedì 24 agosto 2015

Coniglio in agrodolce. Sicilia



Da Artemisia, che fa un piatto siciliano preso non sa più dove.

Tagliate in pezzi un coniglio (circa 1,5 kg), lavatelo, asciugatelo, sistematelo in una terrina.

Marinata: mettete in una casseruolina 2 bicchieri di vino rosso, 3 foglie di alloro, una cipolla affettata, un pizzico di pepe nero in grani. Portate a ebollizione, ritirate dal fuoco, lasciate raffreddare, versate sul coniglio.

Lasciate i pezzi di coniglio in infusione per qualche ora, scolateli, asciugateli e infarinateli leggermente.

Scaldate 4 cucchiai d'olio  extravergine d'oliva in un tegame, rosolate dolcemente il coniglio, girando spesso. Quando sarà dorato, toglietelo dal tegame e tenetelo in caldo.

Fate soffriggere nell'olio rimasto una cipolla tritata; quando prende colore unitevi 2 o 3 costole di sedano bianche e  tenere tagliate a tocchettini, 1 manciata di olive verdi dolci snocciolate, 1 cucchiaio di capperi sotto sale dissalati, 2 cucchiai di uvetta di Corinto; 2 cucchiai di  pinoli e la scorza di un'arancia, senza parte bianca,  tagliata a julienne fine.

Rimettete il coniglio nel tegame, salate, pepate e lasciatelo insaporire per pochi minuti nel soffritto.

Fate intiepidire 3 o 4 cucchiai di ottimo aceto rosso, scioglietevi 1 cucchiaio raso di zucchero e versatelo sul coniglio.

 Mescolate, incoperchiate e lasciate cuocere a fuoco dolce per un'ora circa, fino a quando il coniglio sarà tenero. Sorvegliate girando e aggiungendo poca acqua se asciugasse troppo.

Servite tiepido o freddo.


Nota: l'ho servito caldo, e mi andava bene...

3 commenti:

qbbq ha detto...

non avendo qui il consiglio (gli inglesi fanno faccia da "oh my god, u eat rabbit???"/manco gli avessi detto di mangiare il carboncino di casa-valli a capire...), lo proverò con pollo...sembra ottima e semplice pietanza
s

Chiara Giglio ha detto...

trovare delle buone ricette per il coniglio non è facile, adesso una l'ho trovata, grazie !

artemisia comina ha detto...

anche qui c'è chi si turba a mangiar conigli... io penso che tutti i mammiferi sono nostri parenti prossimi, e che tutti vadano mangiati con rispetto (sapendo e potendo, ci affiancherei un rituale di ringraziamento, come facevano gli antichi).

Chiara e Stefano, attendo di sapere la riuscita :)!

(anch'io avrei intenzione di riprovarlo a breve).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...