venerdì 20 aprile 2012

Riso, carne, patata finiscono in polpette





Di Isolina

Esiste paese in questo vasto mondo che non conosca polpette? Qualche landa desolata, certamente, ma poche. E quanti tipi? Milioni di milioni... E allora ecco un'altra umile polpetta nata da avanzi, come del resto è quasi classico, ma alquanto attraente e di piacevolissima consistenza morbido/soda.

Una tazza di cotto, quasi pari volume di carne tritata, una patata bollita, un uovo. Prezzemolo, scalogno, dragoncello, zenzero fresco, peperoncino fresco.

Nel robot trito finemente le erbe e spezie, aggiungo la patata e poi la carne. Metto il tutto in una ciotola dove possa ben impastare con le mani e aggiungo il riso, un po' di sale e infine l'uovo.

Con le mani umide formo delle polpettine tonde (porziono con uno scoop da gelato) e le passo in farina di grano duro.

Le faccio rosolare piano, a lungo in olio d'oliva. Le giro una volta e poi ancora e porto a cottura con un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro sciolto in poca acqua calda a formare poco ma intenso sughetto.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...