lunedì 9 maggio 2011

Crostini di macco di fave, fave fresche e pecorino




Di Artemisia

Per il macco: fave secche senza buccia messe a bagno dal giorno prima (cambiando l'acqua un paio di volte per evitare la fermentazione), poi cotte coperte di acqua insieme a una cipolla fino a che non si disfano; allora frullarle finemente riducendole in crema e aggiungere del sale.

Sgranare delle fave e privarle anche del tegumento o pellicina (se vanno conservate per qualche ora, immergerle nell'acqua perché non secchino).

Grattugiare del pecorino romano con la grattugia a fori molto grossi per avere delle fini scaglie.

Procurarsi un olio e.v. d'oliva di grande bontà, un po' fruttato.

E del pane casereccio pure buono, ovviamente (quello di questi crostini era fatto da me e aveva qualche seme di sesamo).

Ho servito i crostini con menu di Maggio 2011. La cena del porcetto, tutta sarda e di tutto riposo, con le fette di pane grigliate e con le diverse cose nelle ciotole, perché potessero essere assemblati a tavola come si voleva.

2 commenti:

Titti ha detto...

Buonooooooo!!! Il macco mi fa impazzire: col pecorino poi 'na favola! bacioni,Titti

artemisia comina ha detto...

grazie titti, ben approdata qui :))

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...