venerdì 10 ottobre 2008

Crema di Castelmagno


Da Artemisia

E’ facilissimo fare una crema di castelmagno. Il formaggio a scaglie si mette in un pentolino a fondo spesso con un goccio di latte, e si fa sciogliere. Poi si fa raffreddare in frigo, dove si consolida e diventa morbida crema. Qui la crema viene spalmata su dei dischetti di pane di segale e incoronata con una nocciola. Nel menu di  Settembre 2008. La cena del ragoût de boeuf con la melassa.

Mettere del castelmagno artigianale in un pentolino a fondo spesso con un goccio di latte.

Sciogliere a fuoco basso.

Far raffreddare.

Mettere in frigo.




16 commenti:

niky ha detto...

fame solo a guardarli...

la belle auberge ha detto...

Ottimo suggerimento. Dovrei avere del Castelmagno sottovuoto (spero non inorridiscano gli estimatori)e mi viene voglia di andare a provare questa tua crema. Grazie.
eu

marcella candido cianchetti ha detto...

che buona buon w-end

artemisia comina ha detto...

care niky ed eu, buon fine settimana con crostini di castelmagno (e trecce di sogliole :))

merins ha detto...

grazie !!! aspettavo proprio qualcosa così
:)

artemisia comina ha detto...

marcella, bentornata e buon we anche a te!

merins, in attesa delle castagne, una bella crema di formaggio :)

pasadena ha detto...

ciao! idea favolosa!!!! grazie!

artemisia comina ha detto...

pasadena, formidabile un blog sul matrimonio perfetto!

Anonimo ha detto...

non inorridisco tanto sul sottovuoto di la belle auberge, quanto sul fatto che, in giro, c'è tanto castelmagno taroccato... oppure di caseificio, che non ha niente a che vedere con il vero castelmagno!
bellissima ricetta, da provare!

Elena Bruno ha detto...

Spettacolo spettacolare, bocconcini deliziosi! Complimenti Buon WE

artemisia comina ha detto...

marzia, è bella perché è di una semplicità imbarazzante :)

artemisia comina ha detto...

twostella, ho fatto un giretto nel tuo blog: bellissimo. mi piace anche l'angolo tutto piemontese, lo terrò presente.

MarinaV ha detto...

Artemisia, il pane di segale ti ha conquistato, a quanto pare ;)
Peccato che il castelmagno qui non esiste, ma cercherò qualcosa che gli assomigli, questi crostini s'hanno da fa'!

artemisia comina ha detto...

Pane di segale? Marina, sento nostalgia di atmosfere nordiche :)

ricordo un certo baretto ad Amsterdam pieno di pane di segale e buonissimi pesci affumicati...

Anonimo ha detto...

Condivido il pensiero di Marzia, semplicemente considerando che il territorio di provenienza del Castelmagno in Val Grana è a malapena in grado di fornire quantità infinitesimali rispetto alla richiesta. Questo non vuol dire che quello in commercio sia cattivo, tutt'altro. Semplicemente non è un prodotto d'origine, come, tanto per fare un paragone, con la bresaola dove ci vorrebbero 1000 Valtelline per soddisfare la richiesta del mercato. Io preferisco una generica toma di montagna stagionata magari meno altisonante ma capisco che in una grande città ci si debba basare su indicazioni più certe.

AV

artemisia comina ha detto...

una volta con Nunchesto ci infilammo su per la valle, arrivando fino al santuario. ci fermammo a dormire a mezza strada, in un paesino con un oste scorbutico.

temevo che se non sei lì, niente castelmagno :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...