venerdì 18 dicembre 2020

Timballini di porcini, polenta e peperoni


Di Artemisia

Ancora una volta torno indietro nel tempo: fu a settembre che nel boschetto di bambù ci sorprese la magnifica lycoris radiata, corona imperiale, giglio ragno rosso, fiore dell'equinozio, bulbosa amaryllidacea che viene dalla Cina, troppo bella per starsene lì indifesa, e infatti un fiore vedemmo che poi qualcuno pensò bene di coglierlo. Fu invece a novembre che mangiammo gli ultimi porcini, e li acconciammo in Timballini di porcini, polenta e peperoni, con la nota tecnica di impilare nei coppapasta che permette di crear piattini con nulla. 

Affettare della polenta gialla fredda, altezza un cm, e ritagliarvi dei dischi con un coppapasta rotondo di 5cm di diametro.

Cuocere in padella con olio d'oliva e aglio (poi tolto) dei porcini affettati, scottandoli a fuoco vivo fino a brunitura.  

Arrostire dei peperoni rossi polputi, pelarli; tagliarli a julienne. Condirli con poco aglio finemente triturato, olio d'oliva, sale e prezzemolo.

Imburrare dei coppapasta di acciaio, cilindrici, di 8cm per 5cm.

Poggiarli su carta da forno a sua volta poggiata su una teglia.

Impilarci dentro polenta, peperoni, funghi, olive taggiasche, foglioline di maggiorana, salando e pepando.   

Finire con la polenta, pressare, mettervi su qualche fiocchetto di burro.

Forno a 180° per 30'.

Aspettare 5', passare una lama torno torno al timballino, infilarvi sotto una paletta flessibile, poggiarlo nel piatto individuale, sfilare la paletta, sfilare il coppapasta. 

Sul timballino e intorno qualche filetto di peperone, una cimetta di maggiorana per bellezza.

Accanto, qualche scheggia di polenta fritta.













Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...