mercoledì 8 novembre 2017

Ottobre 1991. Una cena per una variopinta commissione di concorso



Ottobre 1991. Una cena per una variopinta commissione di concorso. Un'intera commissione di concorso a casa nostra; tutti felici, gli universitari, non avvezzi (a cene decenti): grandi entusiasmi del tedesco che studia il comportanento dei topi di lì inferendo cosa cova l'anima nostra, entusiasmi sia folkloristici (questi italiani!) che gastronomici; quanto al milanese vecchia guardia (uno che dice che l'affettività è un epifenomeno della cognitività, e chissà che ha in mente siano l'una e l'altra cosa) si presenta da sé, serenamente, come un bruto, insistendo che mi dia alla cucina;  il romano timido e cortese si defila come uno scolaro delle medie; la torinese se ne sta trepida come una signora che spera non le capiti nulla di male. Io alle 22,30 dopo averli nutriti e sopportati mi congedo per andare a Milano e faccio così la mia figura. Menu: Spiedini con prugne, tocchetti di indivia belga, radicchio tardivo, funghi, avvolti nella pancetta, infilzati e rosolati; Suprême di pollo con riso pilaf (praticamente un piatto unico, dove al pollo si uniscono funghi, riso, carciofi); Terrina di carote con il carvi; Insalata; Poirat (pie di pere ) con gelatina mirtilli; Morellino di Scansano.


Spiedini con prugne, tocchetti di indivia belga e radicchio tardivo, funghi, avvolti nella pancetta, infilzati e rosolati



Suprême di pollo con riso pilaf





 
Terrina di carote con il carvi




Insalata

Poirat (pie di pere ) con gelatina mirtilli








Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...