mercoledì 18 dicembre 2013

Blinis al wishki



Di Isolina

Afferrando quella brezza nordica sventagliata da Artemisia, soffermandomi sul progetto di gelatina di whisky, pensa e ripensa, ho voluto fare una prova per vedere se il profumo torboso e quindi fumoso di un un buon Islay, sarebbe sopravissuto alla cottura. Ed ecco dei blinis che abbiamo provato semplicemente con crème fraîche, ma che penso sarebbero, saranno, ottimi con qualsiasi tipo di pesce affumicato, o fantastico on aringhe fresche (ma dove?)
Mi ha entusiasmato la cosa.

Ordunque, mezza tazza di farina di grano saraceno, un pizzichino di sale, un pizzichino di pepe nero, 1/3 di tazza di Laphroaig, un piccolo uovo, qualche cucchiaiata d'acqua un cucchiaino scarso di lievito secco.

Questo impasto è stato sufficiente per 4 blinis.

9 commenti:

papavero di campo ha detto...


e magari un tè lapsang souchong :-)

artemisia comina ha detto...

;)

cicalarauca ha detto...

Meraviglioso! Da quei fumosi ambienti qualcosa è arrivato pure a me, ma fuori tema rispetto a questi meravigliosi blinis, qualcosa per coniugare whisky di soli pallidi ad agrumi etnei.
Intanto prendo nota di questo splendore di ricetta, pensando a cosa affumicare per accompagnarla.

artemisia comina ha detto...

beato chi può affumicar!

isolina ha detto...

Il burro per esempio. Vidi un qualche cuoco farlo e mi attirò. Qualcuno ha fatto esperienze casalinghe?

cicalarauca ha detto...

Burro affumicato? Mamma che robba divina sarà mai!

isolina ha detto...

Bisogna indagare!!

silvia.moglie ha detto...

me li appunto per la vigilia. yogurt greco o quark, col salmone affumicato?
grazie

artemisia comina ha detto...

non so Isa è in faccende; io direi yogurt greco, più fluido. magari con un po' di aneto o erba cipollina?