lunedì 28 ottobre 2013

Giallarelli (cantarelli, finferli, galletti) di bosco con fettuccine di Campofilone.



Di Isolina

Dal bosco al piatto.

Giallarelli come sono chiamati qui, o cantarelli, o galletti o finferli. Confesso che li ho sempre considerati di molto inferiori ai porcini, ma, questa volta, ho dovuto riconoscere che per l'uso fattone, sono risultati straordinari (e non solo a parere mio). Pulirli è stato un lavoro da certosino. Comunque,lavorando di coltellino (per tagliare parte del gambo) e spazzolino (quello venduto per i tartufi) ce l'abbiamo fatta.

In padella tochettini di pancetta affumicata e maggiorana, poco olio d'oliva; rosolare piano fino a sciogliere la pancetta.

A questo punto  ho aggiunto mezza cipolla sottilmente affettata e uno spicchio d'aglio a fettine minuscole. Ho fatto andare fino a cipolla ben rosolata, quindi giù i funghi. Ho alzato la fiamma e fatto andare per tre quattro minuti girando continuamente. A questo punto ho aggiunto un mezzo bicchiere di vino bianco e ho salato. Ho girato un paio di volte, coperto e fatto andare per altri 15 minuti.

Ho aggiunto una manciatina di prezzemolo finemente tritato e ancora poco sale.

Ho cotto le fettuccine di Campofilone e le ho fatte saltare in padella con il condimento.

Sul piatto, una bella macinata di pepe nero.

3 commenti:

la belle auberge ha detto...

la fortuna impagabile di avere un bosco nelle vicinanze e un raccoglitore di funghi a portata di mano!
Qui solo roba insapore da supermercato, sob.

artemisia comina ha detto...

anche tu Eu pensi al bosco?

qbbq ha detto...

.. questo sì che è vero lusso direi. s

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...