sabato 21 agosto 2010

Toscana. Fagiolini alla rigomagnese




Da Isolina

E' una ricetta di casa, parte toscana, che perfino mia madre lombarda fino al midollo e disdegnosa, apprezzava e faceva molto bene. E' semplicissima ma come tutte le cose semplici... Possibilmente usare una pentola di coccio.

Parto mettendo un bello strato di pomodori ben maturi cubettati (tradizionalmente strizzati con le mani) sopra uno strato di fagiolini verdi, quindi una manciata cipolla affettata, abbondante basilico, timo, aglio (o altra aromatica; io ci metto anche della scorzetta di limone che non entra nella tradizione) e qualche rondella di peperoncino piccante (che qui i vecchi chiamavano zenzero) o una bella spolverata di pepe nero, sale. Poi di nuovo pomodori e si ripete.

Se i pomodori non sono abbastanza succosi, aggiungere un mezzo bicchiere scarso d'acqua. Olio d'oliva generoso. Così, tutto a crudo.

Sul fuoco abbastanza vivace; poi, quando incomincia a bollicchiare abbasso la fiamma e faccio andare, coperto, per 40/50 minuti. Viene un umido saporoso, buono caldo, freddo o tiepido.


Da solo o accompagnato. Dalla fetta di pane abbrustolita da mettere sul fondo del piatto, al riso pilaf, o con aggiunta di tagliolini orientali, insomma a piacere. Non deve essere, però, acquoso.

(Ottobre: nebbia e caprioli ). 

4 commenti:

alialexa2006 ha detto...

buonissimi questi fagiolini verdi...bravissima...un bacio

manuela e silvia ha detto...

Non abbiamo ancora provato i fagiolini con il pomodoro! qui poi aggiungi tantissimi profumi e sapori...davvero gustosissimi!!!
baci baci

Chiara ha detto...

li faccio spesso i fagiolini con il pomodoro però proverò questa ricetta pari pari come l'hai scritta tu, ciao , un bacio...

dede ha detto...

ma guarda, è esattamente il procedimento che uso per cucinare i fagiolini ma non avevo mai saputo che fosse una ricetta codificata. Nemmeno stavolta non ho inventato niente

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...