lunedì 10 marzo 2008

Terrine di carote: con lo zenzero, con il carvi.


Una ricetta di Patés, tourtes, terrines, Christian Delu, Solar 1982, zenzerata da Artemisia Comina.

Pelare 1,5 kg di carote, cuocerle nell'acqua salata. Passarle nel robot insieme a 50g di zenzero fresco pelato e in pezzi; triturare finemente. Mettere nello chinois, sgocciolare bene.

Rimettere nel robot (servirà a montare le uova) aggiungere 2 cucchiai di farina, 6 uova una ad una, tre cipolline fresche in pezzi, due cucchiaini colmi di di zenzero in polvere. Salare.

Imburrare molto bene uno stampo rettangolare (capienza un litro e mezzo) e riempirlo con questa farcia.

Cuocere in un bagno-maria già caldo in forno pure già caldo, a 150°, per 1h circa. Valuterete se la terrina è sufficientemente rassodata facendo una lieve pressione col dito sulla sua superficie. Se ha una risposta leggermente elastica, è ora di spegnere.

Far raffreddare e servire con una fresca insalatina.

Nel menu di Marzo 2008. Una cena con rana pescatrice e anguille




***

Terrina di carote col carvi.

Versione di Delu, anch'essa provata, col carvi.

1,5 kg di carote, 6 uova, 2 cucchiai di farina, un ciuffo di erba cipollina tagliata finemente, 25g di burro, un cucchiaino di polvere di carvi, sale, pepe.

Nel menu di  Dicembre 1992. Una cena festosa per bambini dagli ottanta in su

***

Aggiornamento Novembre 2014

Nel menu di  Novembre 2014. A cena su un tappeto volante

 

***

Nota: le due terrine sono rese del tutto diverse dal carvi e dallo zenzero; meno incidente la differenza cipollina fresca/erba cipollina, ma anch'essa non è irrilevante. Più fresca ed "elegante" la versione con lo zenzero; più "rustica" quella col carvi. La scelta dipenderà dall'insieme dei piatti con cui andrà la terrina. Spesso il carvi viene chiamato cumino e confuso con esso; ma hanno aromi del tutto differenti. Il primo è un seme mediterraneo, il secondo è più orientale, tipico ad esempio della cucina indiana. Ciò non toglie che l'intelligente carota può prestarsi ad essere aromatizzata anche dal cumino e da tante altre spezie che possono venirvi in mente.

5 commenti:

isabella ha detto...

E brava che hai messo la distinzione tra il cumino dei prati e quello che gli indiani chiamano dhenia. Qualche volta nemmeno chi li vende lo sa

Artemisia Comina ha detto...

ho imparato a mie spese :D

Joynho ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Joynho ha detto...

ciao e innanzitutto complimenti per il blog!
se può interessarti, ho deciso di aprire una community on line dove poter recensire i locali e prossimamente aggiungere ricette tipiche...
www.cityfan.it

se ti va iscriviti...
un saluto,
ti leggerò volentieri e così un po' ingrasserò!

Artemisia Comina ha detto...

benvenuta, joynho e auguri per la community.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...