lunedì 19 novembre 2012

PHILIPPINE WELSER. FORSE LA PRIMA A FIRMARE UN LIBRO DI CUCINA.




 Philippine Welser


 Ferdinando II



Il castello di Ambras


Ambras: una fortezza medioevale trasformata in castello nella seconda metà del Cinquecento da un Asburgo arciduca del Tirolo, Ferdinando II, per donarlo alla moglie morganatica e raccogliervi le sue collezioni.

La storia di Ferdinando e Philippine la trovate qui; è in spagnolo, ma si capisce anche non sapendolo. Notate che si tratta di una coppia anticonformista, di un principe del Galles e una Wallis ante litteram : non si capirebbe, altrimenti, il libro di Philippine.

Quanto al ménage, restano due libri: il cosiddetto libro delle bevute, in cui sono registrate le feste al castello, e uno scritto da lei, Philippine Welser, la moglie morganatica, che ha fama, oltre che di ovvia e doverosa bellezza, anche di virtù meno prevedibili, come cultura, spirito e gourmandise.
 
Il libro di Philippine riporta ricette e volendo, almeno in tedesco, potreste comperarvelo in edizione attuale. Curioso oggetto, questo libro: siamo nella seconda fase del Cinquecento e devono essere successe un sacco di cose perché un libro di tal genere venisse attribuito a una donna e a una persona delle classi alte. In tutto il medioevo le donne, ma anche i signori, erano stati per motivi diversi ben lontani da quanto si era scritto di cucina, presidiato dai professionisti maschi. Adesso invece la buona tavola, anche nelle tecniche, riappare come hobby per gentildonne. Sorpresa.

Philippine e il suo libro: la cosa mi interessa particolarmente. Proprio mentre mi chiedevo quando è comparso il primo libro di una donna cuoca, ci casco su, sembrerebbe, per caso. Pare infatti che quello di Philippine, libro manoscritto, notare, non stampa, sia stato, potrebbe essere stato il primo. In realtà una giovane ricercatrice di storia, Raffaella Sarti, dice che non pare sia stata proprio lei a scriverlo, tranne piccola parte. Ma che fa? Intanto, lo firma. Sarti aggiunge che nei paesi di lingua tedesca lo spazio dato alle donne cuoche era ben più ampio che in altri, e certamente più di quanto non fosse in Italia, dove dobbiamo arrivare a un avanzato Settecento per avere libri di cucina firmati da una donna.

Per chi fosse curioso, ecco un qui. Si tratta di contributi a un convegno su Artusi, tra gli altri, Raffaella Sarti parla di uomini e donne in cucina. Bisogna scorrere un po' di pagine, e si trova. All'interno del testo, compare la nostra Philippine.

Raffella Sarti ha scritto molto di case, cucine, personale domestico femminile. C'è un suo libro abbastanza interessante: Vita di casa. Abitare, mangiare, vestire nell'Europa moderna, Laterza.

Per il pettegolezzo: quando Philipphine morì prima di Ferdinando, questi si risposò come si deve, con una giovanissima, bruttarella nipotina Gonzaga. Tuttavia, sòla: solo figlie femmine. Oggi Ferdinando e Philippine riposano in famosa cappella funebre a Innsbruck, insieme. Non chiedetemi dove è stata riposta la bruttina.

Ecco il libro di cucina, manoscritto.


L'immagine del libro da archives.hub

Un altro ritratto di Philippine, dal Kunsthistorisches Museum 


Tutti i post AAA su Ambras, qui.

Tutte le immagini, da wikipedia.

3 commenti:

isolina ha detto...

facino, fascino

cuocaingiardino ha detto...

sempre interessanti queste storie al femminile che ricompaiono dall'oblio dei secoli.
oggi invece risulta difficile destreggiarsi in libreria tra gli scaffali dei libri di cucina scritti in gran parte da donne; bei libri, gran grafica e fotografie, ma anche tante suggestioni in meno

Artù ha detto...

Grazie per queste belle informazioni!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...