mercoledì 14 giugno 2017

Pie aux pêches et au gingembre; Pie di pesche allo zenzero




Da Artemisia

Ricalcata (quasi) su la Pie aux pomme a la cannelle. Pie di mele con la cannella di  Patés, tourtes et terrines, Christian Delu, Solar 1982. Vista la stagione ho usato pesche. Quando ho visto che avevo pochissima uvetta, ho aggiunto gocce di cioccolata fondente, ho usato zenzero fresco, Grand Marnier invece del Rum, ho aggiunto pinoli e infine una sbriciolata di un dolce alla farina gialla, poichè pensavo che le pesche avrebbero pianto succhi abbondanti.

Sbucciare a tagliare a dadini 1kg di pesche.

Radunare in una ciotola 100g di zucchero in polvere, 50g di panna fresca, un bicchiere di Grand Marnier, una grossa noce  di zenzero fresco grattugiata,  un cucchiaino colmo di canella in polvere, un pizzico di sale, 40g di uvetta, 100g di gocce di cioccolato fondente, 100g di dolce alla farina gialla sbriciolato (potete sostituire con qualsiasi dolce o biscotto che si sbicioli).

Versare sulle pesche, mescolare.

Mettere il composto in una teglia da forno imburrata, che si possa portare in tavola, della capienza di circa un litro e mezzo (questa era di 28cm di diametro, bordi molto bassi; di alluminio, perché insieme cinque sorelle dovevo portarla a una festa caotica ed era opportuno avere agevole trasporto e lesto modo di disfarsene).

Coprire con un coperchio di brisée:200g di farina00, 100g di burro, un uovo, un pizzico di sale.

Fare un camino, spennellare di rosso d'uovo.

40' in forno a 180°.



Avevo propomesso a un gruppo di giovani mangiatori di torte che se avessero risolto un problema irresolvibile avrei dato loro un premio in tartellette. Lo risolsero, feci sei torte (grandi tartellette, in fondo), questa fu una. Le sei torte furono mangiate nella Festa della Tartelletta.



Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...